Hub Capodichino, partite le prime vaccinazioni. Gianni Lettieri: “Ringrazio Regione e Asl”

Domenica le prime somministrazioni all’hub vaccinale di Capodichino. Per Gianni Lettieri, a capo di Atitech, ora sarà possibile portare a compimento la campagna di vaccinazione per la città già entro l’estate.

Gianni Lettieri

Gianni Lettieri: “Dimostrazione che le cose in questa città funzionano se fatte bene”

Sono state 2.000 le persone convocate per la prima giornata di attività del nuovo centro vaccinale di Capodichino. L’hub, il più grande di tutto il Sud, è stato realizzato a tempo record in uno degli hangar di Atitech, l’azienda guidata dall’imprenditore Gianni Lettieri. L’inaugurazione della struttura è avvenuta lo scorso 2 maggio: 32 box per la somministrazione, 14 postazioni per l’accettazione, 150 unità di personale sanitario e infine un parcheggio gratuito di 250 posti. Caratteristiche che consentiranno al centro di raggiungere le 5.000 dosi quotidiane già entro domenica prossima. L’iniziativa è stata possibile grazie ad un accordo tra Atitech e l’Asl Napoli 1 Centro: “L’apertura di questo hub interaziendale – ha dichiarato Ciro Verdoliva, Direttore Generale dell’Asl Napoli 1 – consentirà di incrementare ancor più le somministrazioni giornaliere e di fare un passo importante verso il ritorno alla normalità”. Soddisfatto Gianni Lettieri, che ha partecipato all’inaugurazione dell’hub insieme a Verdoliva e al Presidente della Campania Vincenzo De Luca: “È un modo per dimostrare vicinanza alla città in un momento difficile – ha dichiarato – ed è la dimostrazione che le cose in questa città funzionano se fatte bene”.

Gianni Lettieri: puntiamo a immunizzare tutti i cittadini di Napoli

Con l’apertura dell’hub, che oltre ai cittadini dell’Asl Napoli 1 Centro comprende anche quelli di Asl Napoli 3 Sud e Asl Napoli 2 Nord, la città è pronta per accelerare nella campagna vaccinale. “Se le dosi arrivano – ha spiegato Gianni Lettieri – sono sicuro che si potrà raggiungere l’obiettivo che si è posto il Presidente De Luca, ossia immunizzare Napoli entro il mese di luglio”. Potenzialmente il centro, grazie all’ottima logistica, è capace infatti di arrivare anche a 8.000 somministrazioni al giorno: “Forse è il più grande e attrezzato d’Italia. Ora, attendiamo che mandino i vaccini – ha detto il Presidente della Campania, che poi ha aggiunto – gli sforzi sono enormi, ma manca la materia prima: siamo ancora sotto di 200mila dosi. Apre l’hub perché a gennaio abbiamo acconsentito che andassero più fiale alle Regioni con popolazione più anziana”. Il Patron dell’Atitech, che ha donato l’hangar Avio 2 in comodato d’uso gratuito, ha parlato di “un atto d’amore verso Napoli”. L’azienda guidata da Gianni Lettieri non è nuova a iniziative a sostegno del territorio, in particolare in questi ultimi mesi di crisi. Recentemente l’imprenditore ha deciso di rendere permanente il progetto che ha visto la mensa aziendale donare pasti caldi a 150 famiglie bisognose delle periferie durante il periodo natalizio.

Leave a Comment