ETF, raccolta trimestrale da record. E avanza ancora il tema della sostenibilità

I flussi netti dei fondi ETF toccano nuovi record nel primo trimestre del 2021. Hanno infatti raggiunto la cifra di 48,2 miliardi di euro, mai così alti nel corso di un trimestre. In questo modo il patrimonio gestito passa da poco più di un miliardi di euro, a 1,16 miliardi. Un aumento di circa il 10%.

Il mercato degli ETF

etfAl di là delle cifre, quello che è interessante è comprendere perché ci sia questo interesse verso gli Etf, e soprattutto dove si indirizzano le preferenze degli investitori. Ricordano che ovviamente parliamo di investimenti a lungo termine, nulla a che vedere con le strategie 15 minuti breve termine.

Privilegio verso l’azionario

La maggior parte dei flussi che si sono mossi verso gli Etf, si sono incanalati nel mercato azionario. Parliamo di circa il 90% del flusso di capitali trimestrale, ossia 42 miliardi (il totale del patrimonio gestito sale così a 776 miliardi).
Questo evidenzia un forte appetito per il rischio da parte degli investitori.
I fondi focalizzati sul reddito fisso, per lo stesso motivo invece calano. Infatti la raccolta trimestrale è scesa a 4,3 miliardi, meno della metà della raccolta che era avvenuta tra ottobre e dicembre 2020.

Nota: altrove si parla di un altro tema interessante per gli investitori, ossia lo scalping sul Dax.

Titoli valute e collocazione geografica

Un altro indirizzo importante per le scelte degli investitori, è la rotazione verso le strategie value. Mentre invece i growth (specialmente con focus su Wall Street) sono tra i peggiori dieci.
Un altro aspetto riguarda la allocazione dal punto di vista territoriale. Infatti chi investe negli ETF, sembra avere preferito soprattutto quelle regioni dove le campagne vaccinali viaggiano più spedite. Non è un caso che piuttosto che negli azionari Eurozona large-cap, sono stati preferiti l’equity Usa large-cap e gli Etf UK mid-cap.

La sostenibilità

Altri due aspetti interessanti sono la tematicità dei fondi e l’appeal della sostenibilità. Il tema ambientale è diventato cruciale nell’interesse degli investitori, come dimostrano i dati sulla raccolta in crescita.
Inoltre la sostenibilità è diventato oggetto di forte attenzione da parte degli Etf, tanto che i flussi hanno rappresentato il 54% del totale dell’industria europea degli Etf nel primo trimestre. Questo trend dovrebbe peraltro continuare, supportato da nuova liquidità e dallo spostamento verso strumenti ESG.

 

Leave a Comment