Mercato del petrolio, piccola pausa dopo un forte rally

Negli ultimi giorni il mercato del petrolio aveva vissuto un momento assai positivo. Il prezzo del barile infatti è stato protagonista di una cavalcata al rialzo durata ben 8 giorni, come non succedeva da gennaio 2019, più di due anni. Adesso però il rally s’è preso una pausa.

L’andamento del mercato del petrolio

petrolioSul miglior broker CFD trading si vede infatti che la quotazione del greggio Brent è infatti sceso sotto i 61 dollari al barile, mentre il WTI è sceso sotto quota 58.
Ma cosa sta agendo sul mercato del petrolio in questo momento?

Facciamo un passo indietro. Negli ultimi tempi il mercato del petrolio aveva beneficiato di una serie di fattori, primo fra tutte le forniture più limitate. Ma anche l’ottimismo riguardo alla futura ripresa economica ha dato slancio al mercato, così come il miglioramento delle campagne di vaccinazione a livello globale. Tutti fattori che hanno dato un po’ di slancio agli investitori, così come il calo delle scorte di greggio statunitensi. La scorsa settimana infatti sono diminuite per la terza volta consecutiva, scendendo da 6,6 milioni di barili a 469 milioni di barili, il minimo da marzo.

Nota operativa: quando si vuole investire sul petrolio, è buona cosa conoscere dell’indicatore Supertrend i parametri.

Cosa spinge al ribasso il petrolio

Poi però sono arrivati alcuni elementi frenanti. In primo luogo le previsioni forulate da OPEC ed EIA riguardo alla domanda di carburante nel 2021. Le due organizzazioni hanno stimato che ci sarà un calo nei prossimi mesi, dovuto al fatto che continueranno ad esserci delle restrizioni agli spostamenti (anche per via delle varianti del virus). Inoltre a penalizzare oggi l’andamento del mercato del petrolio, sono intervenute le prese di profitto che hanno fatto seguito al rally di otto giorni.

Bisogna però evidenziare che la situazione complessiva resta propizia per il petrolio. Gli sforzi dell’OPEC per tagliare la produzione, i discreti segnali di ripresa da parte dell’economia globale (anche se sarà lenta), e le misure di stimolo da parte dei governi, danno comunque un briciolo di fiducia.

Leave a Comment