Cose da fare e vedere a Malta

Fu battezzata Melìte dai greci che vi sbarcarono, per via della presenza sul territorio di numerose arnie e alveari: è Malta, l’arcipelago sito nel Mar Mediterraneo tra le coste della Sicilia e quelle nordafricane. Gozo, Camino e Malta sono le tre isole principali che lo formano, ognuna splendida con i suoi paesaggi e la sua ricchezza storica che testimonia la presenza dell’uomo nell’arcipelago sin da tempi immemori.

Arrivare con il traghetto a Malta significa anche conoscere da vicino la storia dell’Ordine Ospedaliero di San Giovanni nato in Palestina nel lontano 1050 e che ha trovato a Malta il suo quartier generale.

Alla scoperta dell’isola di Malta

Punto di partenza per scoprire Malta è l’omonima isola e in particolare la capitale La Valletta, una città antichissima cinta da mura come se fosse una fortezza e definita da W.Scott “una città costruita da gentiluomini per gentiluomini“. La Valletta è una città elegante che ruota attorno alla cinquecentesca Cattedrale di S. Giovanni, ricca di opere di Caravaggio, e allo splendido Palazzo del Gran Maestro legato ai Cavalieri di Malta.

Non mancare di visitare poi i Baracca Gardens con vista sugli antichi borghi di pescatori di Cospicua, Senglea e Vittoriosa: se passi per i giardini a mezzogiorno o alle ore 16 assisterai allo sparo a salve della Saluting Battery che in passato dava il benvenuto alle navi straniere.

Non lontano da La Valletta sorge Hal Saflieni, tempio ipogeo risalente al 3600 a.C. dichiarato Patrimonio dell’UNESCO: è nei suoi ambienti che è stata rinvenuta la Donna Dormiente, statuetta raffigurante la dea della morte e della rinascita che oggi puoi ammirare all’interno del Museo Archeologico di La Valletta.

Un altro sito storico di Malta sorge a Rabat e si tratta delle Catacombe di San Paolo dove si narra che l’apostolo si rifugiò dopo essere naufragato nel 60 d.C..
Non lasciare l’isola di Malta senza aver visitato il pittoresco centro di Marsaxlokk, col suo porticciolo dove sono ormeggiate le luzzu, caratteristiche imbarcazioni dipinte con colori vivaci e due occhi a prua, come le navi fenicie e greche.

Le bellezze delle isole di Gozo e Camino

L’arcipelago di Malta è stato abitato dall’uomo sin da epoche lontanissime: avrai infatti l’occasione di ammirare molti templi megalitici risalenti al periodo tra il IV e il III a.C. e tra questi spiccano quelli di Ggantija, ennesimo sito UNESCO dell’arcipelago.

Questi templi si trovano sull’isola di Gozo e sono molto più antichi di Stonehenge: sono formati da massi calcarei talmente colossali da far pensare che a costruirli siano stati i giganti. I templi sono due e all’interno sono stati rinvenuti resti di decorazioni e ossa che testimoniano come questi edifici siano stati usati per fare rituali e sacrifici: visitando il Museo Archeologico di Gozo potrai farti un’idea chiara di come dovevano essere in origine i Templi di Ggantija.

A Gozo però potrai anche rilassarti su spiagge meravigliose come quella rossa di Ramla, a due passi dal villaggio di Xaghra: si raggiunge percorrendo un sentiero nascosto dalla vegetazione e si narra che sulla spiaggia si aggiri il fantasma di Ulisse. A proposito dell’eroe mitologico omerico, proprio a Gozo sorge la Grotta di Calipso dove la ninfa intrappolò Ulisse per sette lunghi anni.

Se cerchi un luogo dove fare bagni indimenticabili, raggiungi l’isola di Comino dove si trova Bejn Il-Kmiemen: si tratta di una vera e propria Laguna Blu dove ti ritroverai a nuotare in acque straordinariamente trasparenti, con fondali sabbiosi e pesci argentei che nuotano indisturbati. A Bejn Il-Kmieme puoi anche fare immersioni, snorkeling oppure raggiungere a piedi, se la marea è bassa, il vicino isolotto di Cominotto.

A proposito di bagni, non dimenticare le Blue Grotto site sulla costa sud-orientale dell’isola di Malta: si tratta di un complesso carsico all’interno del quale le acque raggiungono colorazioni magiche e una trasparenza tale che i fondali sono visibili e mostrano una vivace vita marina.

Leave a Comment