borsa-piazza-affari

Mercati azionari sulla cresta dell’onda dopo il panico (e il calo) da pandemia

L’emergenza sanitaria causata dal coronavirus ha fatto bruciare ai mercati azionari tutto quello che avevano faticosamente guadagnato nel corso di mesi se non anni. Miliardi di euro andati in fumo. Da Aprile però s’è visto uno spiraglio di luce, festeggiato dalle Borse con una nuova scia di rialzi. Anche Maggio si è mosso sulla stessa linea, all’insegna dei guadagni.

Il ritorno dell’appetito al rischio sui mercati azionari

Sui mercati azionari si respira un clima di normalizzazione, con il ritorno dell’interesse verso le asset class di rischio. Questa dinamica ha due motivazioni alla base. La prima è la ripresa delle economie, che procede a mano a mano che si esce dal lockdown. La seconda è l’impegno delle banche centrali che hanno rafforzato gli stimoli monetari e fiscali, per dare il maggior sostegno possibile alle economie.

Dagli USA la spinta si è trasferita

La cosa interessante è che si è assistito ad uno spostamento del centro propulsivo. Se ad Aprile era stata Wall Street a guidare la riscossa, a Maggio invece lo scettro è passato a Giappone ed Europa. Se si guarda ai singoli settori, materiali di base e auto hanno sostenuto il rialzo con tecnologia e healtcare rimasti indietro dopo aver dominato da inizio anno. Stessa dinamica negli stili di investimento, con value, alto beta e small-cap che hanno recuperato in parte dopo essere rimasti indietro.

Consiglio: per potersi tuffare nei mercati finanziari con efficienza, occorre studiare bene le proprie strategia e tecniche forex intraday trading, e mai lasciarsi andare alla improvvisazione.

Analisti convinti della futura crescita

Quello che colpisce è la maggiore partecipazione degli attori ai mercati azionari. Una cosa che fa pensare a un possibile ritorno positivo nell’immediato futuro. Anche sul miglior sito opzioni binarie, gli esperti considerano come molto probabile l’ipotesi di ulteriori rialzi nei prossimi mesi. Gli investitori, che a marzo avevano assunto posizioni molto conservative, piano piano stanno ritrovando il loro appetito per il rischio.

Leave a Comment