In visita al Museo Egizio di Torino: cosa è possibile ammirare e altre info utili

Il Museo Egizio di Torino è il museo più antico dedicato all’arte e cultura dell’Egitto nonché una delle maggiori attrazioni del capoluogo piemontese. In questo museo avrete l’opportunità di visitare oltre 30.000 reperti posizionati in 4 piani tra i quali uno sotterraneo.

Per importanza, il Museo Egizio di Torino è il secondo museo dopo quello del Cairo in grado di mettere in mostra papiri antichissimi, sarcofagi, mummie nonché amuleti e oggetti della vita religiosa egizia narrando perfettamente la sua gloriosa storia. Questo museo è stato ristrutturato nel 2015 portando altri reperti e ampliando gli spazi e la superfice espositiva.

Alcuni dei reperti più importanti di questo museo sono la mummia predinastica antichissima, che, pensate, ha più di 5.500 anni. Trovata nel deserto in posizione fetale, è conservata ora all’interno di una vasca ovale e rimane un importante pezzo della collezione di questo museo. Un altro documento importante di quell’epoca è Il Libro Dei Morti di Iuefankh, un papiro risalente all’epoca tolemaica (332-320 a. C.) con rappresentate le formule funerarie indispensabili per guidare i defunti nel viaggio verso la vita eterna.

Un’altra importante attrazione del museo è anche la Tomba di Ifi e Neferu risalente al 2118 a.C. Lungo i corridoi del museo sarà possibile osservare da vicino le pitture parietali del tesoriere del re e di sua moglie disposte in modo scenografico. Queste e molte altre scoperte archeologiche avvenute in Egitto si trovano proprio in questo museo.

Questo museo è davvero una tappa imperdibile per chi si trova a Torino e soprattutto per gli amanti dell’antichità. Vediamo quindi insieme cosa fare per riuscire a visitare questo importante museo della storia antica.

Dove acquistare i biglietti?

Essendo un museo importante viene visitato continuamente da centinaia di turisti (nonché dagli stessi piemontesi) acquistando direttamente i biglietti sul posto. Questo significa che soprattutto nei giorni di festa il museo è sempre pieno di gente e bisogna fare la coda per assicurarsi i biglietti. Per velocizzare la visita una buona alternativa è quella di prenotare il biglietto online dal sito ufficiale del museo, inviando una mail o chiamando al numero di telefono preposto. In questo modo limiterete o salterete quella che potrebbe essere una lunga fila. Sul sito ufficiale è possibile ottenere tutte le informazioni necessarie per la visita come orari di apertura e il percorso consigliato.

Questo museo è aperto tutti i giorni e sono previste tariffe speciali per le visite guidare, biglietti per bambini o visitatore singolo; insomma i prezzi variano a seconda delle vostre esigenze. È possibile visitare il museo anche in modo virtuale.

Come arrivarci:

Il museo si trova in Via Accademia delle Scienze nr. 6 ed è facilmente raggiungibile con ogni mezzo di trasporto o anche a piedi, per chi alloggia in centro a Torino in strutture vicine come l’aparthotel LookTO situato in Piazza Vittorio Veneto. Chi si reca a Torino in treno deve scendere in stazione Porta Nuova e proseguire a piedi lungo via Lagrange per circa 800 metri. In autobus o tram ci sono diverse linee che conducono proprio al museo, partendo dalla piazza Castello potete prendere le linee 55, 56,13 e 72 e dalla via XX Settembre le linee 72 e 4. Chi decide di raggiungere in macchina il museo deve sapere che i parcheggi più vicini alla struttura sono quello di Vittorio Park parcheggio Roma-San Carlo-Castello con tre diversi ingressi. Questi parcheggi sono dotati di telecamere di videosorveglianza nonché di un personale altamente qualificato.

Consigli utili

Prima di visitare il museo è meglio conoscere il regolamento che vieta l’ingresso di borse o zaini di notevoli dimensioni. Se ne avete con voi dovrete pagare l’armadio per depositarle nel guardaroba del museo. Naturalmente è vietato fumare o introdurre ogni tipo di cibo o bevanda all’interno del museo. Il regolamento vieta anche l’uso del cellulare per non disturbare durante la vostra permanenza all’interno del museo, quindi niente telefonate e il telefono va messo in modalità silenzioso. Generalmente la visita dura 2 ore ma per i veri appassionati dell’antichità e con la visita guidata può durare fino a 4 ore. Inoltre si consiglia di avere sempre con sé una felpa poiché ogni ambiente del museo è climatizzato. Per chi desidera approfondire alcuni argomenti, alla fine della visita è possibile accedere anche alla biblioteca Silvio Curto aperta a tutti.

Leave a Comment