Lascito Solidale, Tutto Quello Che C’è Da Sapere

In un contesto in cui il terzo settore viene sempre più penalizzato dai tagli, il lascito solidale, è diventato una realtà molto diffusa che sta cercando di sopperire a questa tendenza di non supportare chi ha bisogno di un aiuto, perché magari è stato meno fortunato. Parliamo per questo sempre più spesso di lasciti solidali. I lasciti solidali sono delle donazioni che vengono fatte post mortem, quando una persona ha lasciato nel proprio testamento la volontà di donare i propri beni materiali e immateriali per una causa di tipo sociale. Il lascito solidale viene perciò in soccorso di enti, organizzazioni no profit o determinate associazioni che si occupano di problemi di carattere sociale o umanitario.

Le Caratteristiche Del Lascito Solidale

Prima di decidere se fare o no una lascito solidale, è bene cercare di conoscere bene questo strumento in modo tale da tutelare le proprie volontà e soprattutto, gli eredi legittimi. Infatti per fare un lascito solidale bisogna scrivere il proprio testamento e andare a specificare le singole quote e in maniera diretta, cosa si vuole lasciare ad organizzazioni del terzo settore e cosa no. Il lascito solidale non va a togliere nulla ai propri familiari perché secondo la legge italiana, comunque c’è una quota legittima che viene riservata agli eredi come ai coniugi, i discendenti e non solo. Un’altra quota disponibile, invece, può essere destinata ad organizzazioni con finalità solidali come quelle che si occupano della ricerca contro delle malattie, di sostegno per la disabilità, per la povertà e non solo. Esiste anche la possibilità di modificare il testamento: quindi se ad oggi è stato già redatto il proprio testamento si può decidere di modificarlo per fare un lascito solidale. Non serve per forza recarsi dal perché c’è anche l’occasione di fare il testamento olografo, quello che deve essere fatto direttamente di proprio pugno e che va stabilire le ultime volontà, annullando quelle precedenti.

Le Procedure Per Fare Un Lascito Solidale

Per fare un lascito solidale è possibile scrivere un testamento olografo di proprio pugno in modo tale da andare a sottolineare quali sono le volontà relativamente a l’idea di lasciare dei soldi, dei beni mobili o immobili ad un’associazione o ente che si occupa del sociale. Si può anche decidere di fare il testamento davanti al notaio e quindi chiedere a un esperto le soluzioni migliori per evitare cattive interpretazioni oppure errori e mettere nero su bianco quali sono le vostre volontà in merito alla possibilità di fare un lascito solidale. Di certo, il lascito solidale, è discreto e riservato perché solitamente gli uffici che ricevano da parte di Onlus, organizzazioni umanitarie, tendono a mantenere il massimo riserbo su chi dona secondo quelle che sono le disposizioni testamentari. Senza un testamento valido però, non vi può essere un lascito solidale perché si va ad aprire la successione legittima e quindi, fino al sesto grado di parentela saranno lasciati i vostri beni. Qualora non vi siano eventualmente degli eredi tutto andrà a favore dello Stato. Se invece l’idea è quella di fare un lascito solidale è bene sottolinearlo.

Quanto è il Minimo Lascito Solidale?

E’ opportuno specificare che non vi è un minimo bene per un lascito solidale. Infatti, si può donare qualsiasi cifra, qualsiasi bene purché si tratti di qualcosa che venga dato in favore di una causa umanitaria, sociale e destinato al terzo settore. Le organizzazioni e gli enti che ricevono questi tipi di lasciti, sono numerosi ogni giorno e anche una piccola parte in grado di fare la differenza per dare un esempio ai propri eredi. La cosa importante per andare a specificare tutti i dettagli dei propri lasciti all’interno del testamento.

Leave a Comment