Andrea Mascetti: il suo Studio Legale tratta le novità sulla determinazione dell’assegno divorzile

Dalla sentenza Grilli alla recente decisione della Corte di Cassazione a Sezioni Unite: l’avvocato Marta Cipriani, dello Studio Legale di Andrea Mascetti, spiega le ragioni e i criteri per la determinazione dell’assegno divorzile, stabiliti lo scorso 11 luglio 2018.

Andrea Mascetti

Assegno divorzile: la nuova Sentenza secondo Marta Cipriani, dello Studio Legale di Andrea Mascetti

L’avvocato Marta Cipriani, dello Studio Legale di cui è titolare Andrea Mascetti, si è di recente occupata della questione legata alla determinazione dell’assegno divorzile. L’avvocato sottolinea che è ormai nota la sentenza Grilli n. 11504/2017, con la quale la Corte di Cassazione abrogava il diritto al mantenimento a favore del coniuge economicamente più debole in ragione del solo principio che garantisce la conservazione del medesimo tenore di vita goduto durante il matrimonio. Questa sentenza tuttavia non si preoccupava di stabilire in modo preciso quali fossero concretamente i parametri alternativi per il calcolo dell’assegno, dando così vita ad una serie di successive norme che cercavano di interpretare in vario modo la nuova sentenza. È proprio a causa della vaghezza di questi criteri che si è resa necessaria la sentenza della Corte di Cassazione a Sezioni Unite n. 18287 del 11 luglio 2018, che funge da intervento chiarificatore e sottolinea la funzione assistenziale, compensativa e perequativa dell’assegno divorzile. L’avvocato dello Studio Legale di Andrea Mascetti spiega che la Cassazione oggi ritiene che l’assegno possa essere riconosciuto secondo criteri basati sull’esame del potere reddituale di entrambe le parti, per essere poi quantificato tenendo conto del contributo che il richiedente l’assegno ha fornito in costanza di matrimonio per la creazione del patrimonio familiare, della durata del matrimonio, dell’età del richiedente e del suo potenziale reddito futuro.

La formazione e la carriera dell’avvocato Andrea Mascetti

Andrea Mascetti, classe 1971, è un avvocato originario di Varese con studio a Milano. Dopo la maturità classica e il conseguimento della Laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Milano, svolge il praticantato e si iscrive all’Ordine degli Avvocati di Varese, superando l’esame davanti alla Corte di Appello di Milano. Patrocinante in cassazione, fonda nel 2004 lo Studio Legale Mascetti, presso il quale si occupa principalmente di diritto societario, bancario e amministrativo. “La mia famiglia”, racconta l’avvocato, “costruì negli anni 20 il palazzo che oggi ospita la sede Varesina dello studio. Da quel mondo ho appreso la lungimiranza, la costanza, il costruire il futuro su solide basi, senza avere paura della fatica e delle sfide che s’incontrano lungo il cammino”. Andrea Mascetti è consulente di numerose società, enti locali e aziende pubbliche. Svolge inoltre l’incarico di arbitro e avvocato davanti ai collegi arbitrali, occupandosi di questioni legate ad appalti pubblici e privati. È Presidente e membro di Organismi di Vigilanza (Legge 231), Sindaco di collegi sindacali e membro di Consigli di Amministrazione di banche e società commerciali sia italiane che estere. Tra le sue esperienze professionali vanta una collaborazione con SALT (Studio Associato Legale Tributario) associato a Ernst&Young.

Leave a Comment