La Festa del Cinema Bulgaro Torna a Milano

La Festa del Cinema Bulgaro torna a Milano e disegna un programma a misura di grande pubblico: dal 13 al 15 novembre all’Anteo spazioCinema (ingresso libero) il pubblico milanese potrà conoscere il meglio della produzione cinematografica bulgara scelta con un’attenzione particolare per i film, certo di qualità, ma capaci di creare emozione.
Fra i lavori in programma, quindi: Vazvishenie (Elevazione), che aprirà il 13 novembre ore 19.30 la rassegna, alla presenza dell’attore Alexander Alexiev. Seguono due storie romantiche ed emozionanti: Gomma da masticare il 14 novembre ore 21.00, di Stanislav Todorov che sarà presente ad incontrare il suo pubblico e Knockout, O tutto quello che lei ha scritto, il 14 novembre ore 19.00, di Niki Iliev: sarà presente in sala Orlin Pavlov, uno dei protagonisti. In programma anche un omaggio allo scrittore Georghi Gospodinov a sei dei racconti del quale è dedicato il film ad episodi 8’19”. In chiusura, il 15 novembre ore 21.00, in presenza dell’attrice Irmena Chichikova, verrà proiettato il candidato bulgaro nella corsa per gli Oscar, L’Onnipresente.

“Abbiamo voluto selezionare i film che fossero meno da Festival e più nella linea della Rassegna: eccellenze sempre perchè è questo l’obiettivo di questa nostra iniziativa, ma uscendo dal red carpet per andare incontro al quel desiderio di storie che è del pubblico che esce di casa per andare in sala.” 
Così ha spiegato Yana Jakovleva, direttore dell’Istituto Bulgaro di Cultura, le ragioni di una scelta artistica e contenutistica.

La festa del cinema bulgaro è organizzata dall’Istituto bulgaro di cultura a Roma con il sostegno del Consolato Generale della Repubblica di Bulgaria a Milano in collaborazione con ilCentro linguistico e culturale Qui Bulgaria, grazie al sostegno del Ministero della Cultura della Repubblica Bulgara e del Centro Nazionale di Cinematografia bulgaro.
Tratto dal romanzo omonimo di Milen Ruskov già vincitore del Premio europeo per la letteratura nel 2014, Vazvishenie (Elevazione) è ambientato nel periodo in cui la Bulgaria si liberò dal dominio ottomano (1877). Il protagonista è Gicho (Aleksander Aleksiev), un giovane che lotta con un gruppo rivoluzionario per coronare il sogno di vedere finalmente libero il proprio Paese. Dopo aver dato prova di coraggio in battaglia, Gicho viene scelto per portare avanti una missione speciale dal capo del gruppo, un episodio che spiana la strada a una serie di grandi avventure. La colonna sonora del film è firmata da Petar Dundakov, il cui nuovo disco per il Mistero delle voci bulgare con Lisa Gerrard sta ampiamente facendo parlare di sé anche in Italia.

Leave a Comment