Claudio Descalzi al Maker Faire di Roma: la scommessa di Eni per superare il petrolio

 

I prezzi troppo alti fanno male ai consumatori: ci vuole stabilità. Ma il petrolio sta creando le premesse per andare al di là del petrolio stesso”: l’intervista all’AD Claudio Descalzi, in visita allo stand Eni di Maker Faire, a Roma.

Claudio Descalzi

Claudio Descalzi al Maker Faire

Eni è main partner di Maker Faire 2018 e vi partecipa con lo stand più grande della manifestazione. Per l’occasione è intervenuto anche l’Amministratore Delegato Claudio Descalzi, parlando di innovazione, rinnovabili e petrolio durante un’intervista al termine della sua visita. “Maker Faire vuol dire fare cose innovative”, ha commentato l’AD, “in un contesto energetico che ha bisogno di ridurre i costi, di impattare meno l’ambiente e che ha bisogno di usare tutto ciò che è intorno a noi, come i rifiuti, con un grandissimo contenuto energetico, come una futura fonte di energia”. Claudio Descalzi ha puntato l’attenzione sull’importanza di rinnovare attraverso le nuove tecnologie: è un processo sul quale bisogna investire, sfruttando l’aiuto di fisici, matematici, biologi e tutti gli esperti motivati a portare avanti questo tipo di implementazione. “Per un’azienda che fa petrolio e gas, puntare sulle rinnovabili e trasformare il settore chimico e della trasformazione, entrare nel nuovo filone della digitalizzazione è un modo per motivare i nostri professionisti, ingegneri matematici e fisici, che hanno trovato una strada nuova, di successo che impatta positivamente sull’ambiente”.

Claudio Descalzi: lo stand di Eni e i progetti per superare il petrolio

L’Amministratore Delegato Claudio Descalzi si è concentrato sull’argomento petrolio, spiegando la sua visione sulla situazione attuale e sullo scenario futuro. Il prezzo dell’oro nero potrebbe infatti, secondo le stime americane, superare i 100 dollari a barile. “In questo momento ci possono essere dei picchi. Siamo in una fase ancora molto altalenante. Quello che auspico, per poter fare degli investimenti, al di là del prezzo, è che ci sia una stabilità: che non ci siano dei salti in alto o indietro, perché poi si bloccano gli investimenti”. I progetti che ha avviato Eni, sottolinea Claudio Descalzi, puntano alle nuove tecnologie e al superamento del petrolio. “I prezzi troppo alti fanno male ai consumatori: ci vuole stabilità. Ma il petrolio sta creando le premesse per andare al di là del petrolio stesso”. Lo stand di Eni è il più grande del Maker Faire Rome: situato all’interno del Padiglione 6, con i suoi 500 mq, è dedicato al tema dell’economia circolare, centrale per l’intera manifestazione fieristica. Sull’economia circolare si basa anche il modello di business a cui punta Eni, per sviluppare sempre nuovi comportamenti e azioni tese a ridurre le emissioni globali di gas serra, in vista del raggiungimento degli obiettivi definiti dall’accordo di Parigi sul clima.