A Spoleto Arte simbolismo e messaggi subliminali con Rolando Rovati

Si rinnova con ampio consenso l’appuntamento spoletino della grande mostra di “Spoleto Arte” allestita nell’antico Palazzo Leti Sansi, tra via Arco di Druso e Piazza del Mercato. L’iniziativa è stata prolungata fino al 27 agosto 2015 ed è curata dal Prof. Vittorio Sgarbi. L’organizzatore è il manager della cultura Salvo Nugnes, presidente di Spoleto Arte. Tra le personalità selezionate a partecipare c’è l’artista Rolando Rovati.

Su Rovati è stato affermato: “Nella variegata produzione i materiali diventano compartecipi di una creatività dinamica e versatile, propensa agli accostamenti e alle modifiche dei frammenti, prestando attenzione a lasciare perfettamente integra, dopo l’incollatura, la -partecipazione sinergica esclusiva- del singolo frammento rispetto al risultato globale dell’intera architettura, assemblata mediante un’elegante articolazione di policromatici e variopinti segmenti”.

E ancora si mette in evidenza: “Il significato di fondo dell’insieme si connette a un codice di profondo simbolismo, di messaggi subliminali universali, di affascinanti e intriganti misteri da scoprire e da rivelare, in un viaggio fantastico dentro le tele, che conquistano e catturano l’occhio fin dal primo sguardo, trasportandolo in un turbine immaginario, in un vortice di avvincente interazione interpretativa, dove linee, tracce segniche e formule geometriche si fondono e si snodano, in labirinti multiformi dalle magiche atmosfere”.