GRANDE GIORNATA CONCLUSIVA PER 167 CONTATTO!

Il corteo si sdoppia in nome del condominio di strada

La giornata conclusiva del festival 167Contatto! parte fin dalle prime ore del mattino. Bancarelle, prodotti tipici, stand invaderanno via Turri e viale IV novembre.

Dalle 16, in Piazza Domenica Secchi ci sarà Giochiamo!, il progetto dedicato al gioco come momento di socialità e strumento di conoscenza con le altre culture.

Il momento clou è come sempre affidato al corteo, alle 17. Quest’anno sono molte le novità. Innanzi tutto, il corteo si sdoppia, una parte, formata dai vari allievi dei laboratori del contatto e dai cittadini, partirà dal Centro d’Incontro Reggio Est; l’altra, costituita dalla Filarmonica Città del Tricolore condotta dal Maestro Stefano Tincani, partirà da viale IV novembre.

I due cortei si incontreranno in Piazza Domenica Secchi, dove verrà idealmente dato il via alle danze di questa edizione.

Per la prima volta, 167Contatto! ha un tema, ovvero quello del “condominio di strada”. Dalle 18 in poi, in vari luoghi della zona stazione partiranno performance, spettacoli dedicati a questo tema.

Al Parco Le Paulonie, ci sarà Condominio Paradiso, performance esito del laboratorio condotto da Monica Morini e Bernardino Bonzani. Lungo via Turri, partendo dal Centro d’Incontro Reggio Est, verrà proposto lo spettacolo itinerante Quel pasticciaccio brutto di via Turri. Allo Spazio Icarus in viale IV Novembre 9, ci sarà il Teatro Immigrato con lo spettacolo Le confessioni nei sotterranei.

E poi, la danza e i tamburi africani, la Prova costume a cura del Teatro dei Quartieri, le varie mostre aperte.

Al Centro Simonazzi Café Bistrò in via Turri 55/A, sono previsti reading, performance di strada, il Cecio e gli Spavaldi.

Inoltre lo Studio Seltz propone una selezione di band provenienti dalla storica sala prove.

E ancora, musica dal nord al sud del Marocco, Regium Lepidi Pulsationes, la performance del Laboratorio Teatrale Permanente del TeatrO dell’Orsa Vite da tre soldi, la lettura delle poesie di Pablo Neruda ad opera di Luca Ferrari.

Per la cena sono previsti vari punti ristoro, tra cui quello organizzato dal Centro d’Incontro Reggio Est e l’Osteria del Contatto, organizzata dal Café Reggio in Piazza Domenica Secchi.

Si concluderà alla sera con una replica di vari spettacoli nelle piazze e con il concerto del grippo Yakaar, che propone un repertorio che va dall’afro-blues al reggae.

Seguici sui social