I tessuti del XXI secolo!

Grazie allo sviluppo dei tessuti tecnici, la natura flessibile e aperta ad inedite funzioni delle nuove fibre le rende “la soluzione” a numerose problematiche d’innovazione. La Regione francese di Lille, territorio storico del tessuto, ha fatto di questo settore una priorità. Oggi, questa filiera si è strutturata attorno a risorse di punta come il nuovo CETI (Centro Europeo dei Tessuti Innovativi), che è stato inaugurato lo scorso 10 ottobre. Un’inaugurazione riservata non solo ai professionisti delle fibre e dei filati. Affinché il grande pubblico possa scoprire questi incredibili materiali, la 3a edizione di Futurotextiles (esposizione che riunisce scienze, tecnologie, design, moda e arte attorno ai tessuti innovativi) si è trasferita al CETI nei giorni della sua inaugurazione.

CETI: innovazione al servizio del tessuto

Il CETI (Centro Europeo dei Tessuti Innovativi) è il più moderno centro di ricerca e di campionatura al mondo dedicato alle nuove applicazioni tessili. Piattaforma tecnologica unica in Europa, il CETI dispone di tecnologie all’avanguardia che consentono di sviluppare nuove applicazioni per i tessuti intelligenti. La particolarità del CETI è di implementare tecniche creative per velocizzare il processo d’innovazione, partendo dai possibili utilizzi per arrivare alle soluzioni.
Nella sua configurazione attuale (fase 1), l’attrezzatura di filatura permette di sviluppare le nuove fibre ad alte prestazioni del futuro, indispensabili per mercati quali quello dell’ultrafiltrazione, dei dispositivi medicali e dell’isolamento acustico. Quest’attrezzatura esiste solo in 4 esemplari al mondo. L’apparecchiatura per i non tessuti consente, da parte sua, attraverso nuove combinazioni tecnologiche, di sviluppare innovative soluzioni industriali. La crescita attesa di questo mercato è del 21% entro il 2017. La fase 2, prevista per il 2013 e il 2014, si concentra sui processi di produzione (lavoro a maglia, tessitura, intrecciatura), in particolare per i mercati dei compositi o dei tessuti tecnici.

Fin dalla fase 1, il CETI si posiziona come un centro d’eccezione di livello mondiale. Può essere paragonato in materia di attrezzature al “Non Wowen Institute” (NCRC) che da Raleigh, negli Stati Uniti, riunisce oltre 60 grandi aziende per lo sviluppo di nuovi materiali tessili. Ma sarà con la fase 2 che il CETI assumerà la sua vera dimensione, poiché sarà a quel punto la sola piattaforma al mondo a raccogliere in un solo luogo sia attrezzature tecnologiche, sia una ricerca d’avanguardia.

La sua inaugurazione ha visto la partecipazione di famose personalità del settore tessile come il signor Arnold Wilkie di HILLS o il signor Hideki Hoshiro della JCFA (Japan Chemical Fiber Association). Si sono svolte tavole rotonde di alto livello, ma non solo. Il lancio di Futurotextiles ha aperto le porte di questi incredibili materiali ai neofiti.

FUTUROTEXTILES : quando il tessuto innovativo si mostra al grande pubblico

Sensibilizzare il grande pubblico ai tessuti tecnici, alle loro ultime innovazioni e alle loro grandi sfide. Ecco l’obiettivo dell’esposizione Futurotextiles. Dopo 6 anni di tour mondiale dalla Francia alla Cina, passando per la Spagna e l’Indonesia, Futurotextiles si ferma a Lille per l’inaugurazione della sua terza edizione in occasione dell’apertura del CETI. Materiali incredibili, pizzi microincapsulati, tessuti magici saranno al centro dell’esposizione che avrà per filo conduttore l’ultra leggero.

Così si realizza l’impossibile. Giostrare con le nuvole o sperimentare insoliti tessuti a base di caffè non ha niente di straordinario. E abiti incredibili (tessuti lignei di Elisa Strozyk, “abito catalitico” di Helen Storey, abito di carta/pizzo di Jum Nakao, mantello d’angelo di Janaïna Milheiro, ecc.) si affiancano a oggetti sorprendenti come un violino in fibra di lino o una tavola da surf gonfiabile.

In breve, la Regione di Lille è diventata una meta obbligata per tutti i produttori tessili.

Contatto:
Marie-Hélène Cauchy
Responsabile comunicazione
Tel: +33 (0) 359 562 336
Email: mh.cauchy@nfinvest.fr
www.nordfranceinvest.fr

Contatto stampa:  UBIFRANCE Italia
Barbara Galli
Corso Magenta, 63 – 20123 Milano
Tel. 02 48 547 310
barbara.galli@ubifrance.fr
www.ubifrance.fr
www.ubifrance.com/it
http://twitter.com/ubifranceitalia

Leave a Comment