Conosciamo meglio la cartomanzia

Il mondo delle arti divinatori ricomprende al suo interno una serie di specialità diverse che si distinguono tra loro per caratteristiche e funzioni. Tra queste una delle più antiche è certamente la cartomanzia, ovvero l’arte di conoscere e interpretare il futuro attraverso le carte e i tarocchi.

Nel corso del tempo si è discusso molto su questa specifica pratica, cercando di capirne esattamente le origini e di determinarne in maniera precisa l’utilizzo e le funzionalità.

Una delle prime cose che si deve precisare sulla cartomanzia è che chi la pratica, ovvero il cartomante, non è un mago e che i simboli che si trovano sui tarocchi non sono dei simboli magici. Ciò sta sostanzialmente a significare che il principio fondamentale, quello base, sul quale si poggia la cartomanzia, non appartiene a singoli e specifici individui, ma si trova a livello prettamente inconscio in ognuno di noi.

Altro presupposto indispensabile per credere nelle capacità e nelle funzioni della cartomanzia, è quello di credere nel principio della reincarnazione, visto che a ben guardare proprio questo è il suo principio portante. Come tutti sanno il principio della nascita cancella tutti quelli che sono i nostri ricordi primordiali, lasciandoci solo qualche piccola traccia che, raramente, nel corso della nostra vita finiscono con il riaffiorare.

Queste affermazioni ci permettono di capire come la base sulla quale poggia tutta la teoria della divinazione sia proprio il recupero di tutti quei ricordi e quei saperi che sono rimasti sepolti nell’universo del sub-coscio e che è possibile recuperare. Se ne deduce quindi che la cartomanzia, praticata attraverso arti diverse, ci consente di interpretare tutti quei simboli e quelle allegorie che ci permettono a loro volta di avere delle indicazioni precise per i nostri comportamenti futuri.

Per quanto poi concerne le origini della cartomanzia bisogna dire che non si è riusciti a giungere ad una soluzione univoca, visto che le sue origini sono piuttosto antiche talmente tanto che è difficile rintracciarle con sicurezza.

 

Leave a Comment