TUTTO ESAURITO ALLA FONDARIA PER LA FINALE DEL REGGIO FILM FESTIVAL

Il Reggio Film Festival chiude con un tutto esaurito in Fonderia, la sede della Fondazione Nazionale della Danza Aterballetto. Per le liste di attesa: 0522/273011.
Il ricco programma prevede 4 performances dei ballerini della Compagnia di Danza Aterballetto, realizzate da giovani coreografi e intervallate dalla proiezione di alcuni corti sul tema del Reggio Film Festival 2012, Città.
A seguire, verrà presentato il personalissimo sguardo sulla città di un grande artista, Fabrizio Plessi, che mostrerà l’opera Progetti del Mondo e converserà con il pubblico.
Aterballetto è la principale Compagnia di produzione e distribuzione di spettacoli di danza in Italia e la prima realtà stabile di balletto al di fuori delle Fondazioni liriche. Nata nel 1979, preceduta dall’esperienza della Compagnia di Balletto dei Teatri dell’Emilia Romagna diretta da Vittorio Biagi, è formata da danzatori solisti in grado di affrontare tutti gli stili. Aterballetto gode di ampi riconoscimenti anche in campo internazionale.
Dopo Amedeo Amodio, che l’ha diretta per quasi 18 anni, dal 1997 al 2007 la direzione artistica è stata affidata a Mauro Bigonzetti, affermato coreografo internazionale che ha saputo rinnovare l’identità artistica della Compagnia dandole un profilo internazionale. Proprio per assicurare il maggiore impegno creativo al suo talento coreografico, dal febbraio del 2008 al settembre 2012, Bigonzetti assume il ruolo di Coreografo principale della Compagnia e la Direzione artistica, viene affidata a CRISTINA BOZZOLINI, già prima ballerina stabile del Maggio Musicale fiorentino.
Aterballetto ha oggi assunto il profilo di compagnia di balletto contemporaneo che ha come elemento fondante della propria identità artistica l’impegno a sostenere e sviluppare l’arte della coreografia e il linguaggio assoluto della danza, intesa come dinamica e forma nello spazio, incarnazione di risonanze espressive e estetiche, dialettica con lamusica.
Nel corso della sua storia più recente, grazie al prezioso contributo creativo del coreografo Mauro Bigonzetti e degli autori italiani e internazionali che hanno collaborato con la compagnia – da Jiri Kylian a William Forsythe, da Ohad Naharin a Iztik Galili, ed, inoltre, Fabrizio Monteverde, Jacopo Godani, Eugenio Scigliano – questa vocazione si è maggiormente consolidata e le scelte artistiche sono state ulteriormente motivate dall’esigenza e curiosità di esplorare le diverse espressioni del linguaggio coreografico contemporaneo.
Un’esperienza davvero unica e originale, sia per il coreografo, che per gli interpreti, che arriva direttamente al pubblico.
Tutto questo è stato ed è possibile grazie alla lungimiranza del Comune di Reggio Emilia, della Regione Emilia Romagna e dell’A.T.E.R.
Fabrizio Plessi è nato a Reggio Emilia nel 1940. Ha compiuto i suoi studi all’Accademia di Belle Arti di Venezia dove tutt’ora vive. Usando il video come strumento artistico fin dalla fine degli Sessanta, Plessi ha tracciato un percorso innovativo che lo ha reso celebre in tutto il mondo, alternando come contenitori di questi filmati barche, anfore, strutture monumentali.
Presente alle edizioni della Biennale di Venezia dal 1970 fino all’ultima del 2011, in Italia è stato premiato alla Quadriennale di Roma nel 1999 ed è, con l’antologica del 2002 alle Scuderie Papali al Quirinale di Roma, l’unico artista vivente ad aver esposto in quella sede.
Nel 1981 Plessi è stato invitato al Festival del Cinema di Venezia con Underwater, una produzione francese: il mezzo elettronico viene così ammesso per la prima volta ad una manifestazione cinematografica.
Ha realizzato oltre 500 mostre personali, dal Centre Pompidou nel Beaubourg di Parigi (1982) al Guggenheim di New York (1998), dal Museum of Contemporary Art di San Diego (1998) al Guggenheim diBilbao (2001), da Documenta di Kassel (1987) al Martin-Gropius-Bau di Berlino (2003).
Anche i paesi emergenti hanno in Plessi un sicuro riferimento, come dimostra l’inaugurazione del nuovo Museo d’Arte Contemporanea di Rabat nel 2006 con una sua personale.
Nel 2000 realizza invece per il Governo Italiano, presso il padiglione dell’EXPO universale di Hannover, Mare Verticale che si può considerare la più monumentale scultura tecnologica mai costruita. La struttura in acciaio alta 44 metri contiene un gigantescoschermo a led luminosi che simula un’onda elettrica blu in costante movimento
Dal 2008 collabora con il gruppo Louis Vuitton, affiancando la sua arte agli eventi della celebre casa francese, come ad esempio l’America’s Cup, dove viene creato uno special set ai piedi del Burj Al Khalifa in cui viene installata l’intera versione di 12 installazioni dei MARIVERTICALI. Nel 1999 ha collaborato inoltre col gruppo Sony per il nuovo edificio, progettato da Helmut Jahn a Berlino in Postdamer Platz, creando una gigantesca cascata elettronica che si scompone in sedici milioni di colori differenti.
Intellettuali e musicisti come Robert Wilson, Philip Glass e Michael Nyman hanno lavorato con lui. Indimenticabili le sue scenografie elettroniche realizzate per il memorabile concerto di Luciano Pavarotti al Central Park di New York nel 1993. Monumenta ad Agrigento è la più mastodontica installazione mai realizzata da Plessi: nove torri di pietra all’interno delle quali i miti greci, portatori delle tematiche poetiche sviluppate dall’artista nell’arco della sua carriera, narrano nove storie diverse utilizzando le tecnologie video.
Nel 2000 ha collaborato per la prima volta con Aterballetto creando le scenografie teatrali per lo spettacolo Sogno di una notte di mezza estate con le musiche originali di Elvis Costello.
La seconda collaborazione è avvenuta invece nel 2006 con Romeo & Juliet, in cui sue sono la creazione, le scene ed i costumi. Una nuova concezione dell’opera dove una struttura altamente tecnologica e digitale modifica ed altera le vecchie logiche della tragediashakespeariana. l temi dell’acqua, del fuoco e del vento si intersecano e si innestano con quelli della passione, dello scontro, del destino, della morte e dell’amore.
 
Ufficio Stampa Studio alfa
tel. e fax 06. 8183579, email: ufficiostampa@alfaprom.com
responsabile ufficio stampa e P.R. Lorenza Somogyi Bianchi, cell, 333. 4915100

Leave a Comment