Telecamere di videosorveglianza, nozioni basilari per l’uso

L’efficienza di un impianto di videosorveglianza è basato sui filmati delle videocamere, posizionate strategicamente nelle aree che si desidera esaminare.
Per la vigilanza dei beni individuali o sociali, delle strade, delle aziende, degli alloggi, nei negozi si trovano una ricca gamma di telecamere: con controllo da internet, rotanti, telecomandate, mobili, a Led per la ripresa di notte, fisse, di svariate qualità grafiche e altre ancora. La propagazione del filmato della telecamera al dispositivo di controllo (tv, videoregistratore, internet), può adempiersi a mezzo cavo oppure wireless.

Consigli basilari per il montaggio delle telecamere di videosorveglianza

  • Le telecamere mobilisono usate per la copertura di un’estesa area.
  • Un elemento fondamentale che pesa considerabilmente sul prezzo di un sistema di sorveglianza video è la memoria di archiviazione dei video inviati dalle camere; Maggiore è il volume di giornate di ripresa da archiviare maggiore sarà il valore d’acquisto dell’impianto di sorveglianza.
  • Con i modelli rotanti (telecamere dome) è possibile realizzare riprese a 360 gradi e sono perfette per la supervisione di terreni, vie, superfici di ampie dimensioni.
  • L’utilizzo di dispositivi fissi è raccomandato per la ripresa di punti di interesse o di ingressi.
  • Oltre alle telecamere è suggerito l’utilizzo di sistemi di rilavazione aventi l’obiettivo di accertare la sicurezza e il controllo su vari gradi: allarmi, anti terrorismo, identificazione, traffico, controllo accessi.

Ogni sito di interesse culturale, finanziario, sociale è frequentemente equipaggiato di un sistema di monitoraggio.
Videosorvegliare equivale a vigilare un sito attraverso videocamere o strumentazioni che rilevano potenziali intrusi.

Leave a Comment