Premiati ieri i vincitori della seconda edizione del concorso nazionale Lifebility Award promosso dai Lions

Si è tenuta ieri, presso il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano, la premiazione dei vincitori della seconda edizione del concorso nazionale “Lifebility Award”, il riconoscimento istituito dal Comitato Lions per Lifebility Award che premia progetti e idee sociali, innovative e sostenibili, proposte da giovani tra i 18 e i 30 anni, orientate al miglioramento dei servizi pubblici e privati della comunità.
Il premio, patrocinato da Camera di Commercio Milano, CNR, Comune di Milano, Provincia di Milano e Ministero dell’Istruzione, ha visto il coinvolgimento di molte aziende, che hanno assegnato ai progetti vincenti premi di valore. Tra queste aziende vanno citate: ATM, Eidon, Lions, Camera di Commercio Milano, Cefriel, GE.RI. HDP, Regione Lombardia, Olivetti, SEA e Serravalle Technologies.
Anche quest’anno, la partecipazione al concorso prevedeva l’invio di progetti socialmente utili caratterizzati da forti elementi di innovazione e originalità, per sviluppare e migliorare alcuni dei problemi sociali che il nostro paese sta affrontando, come lo sviluppo delle infrastrutture, della mobilità, della viabilità, con una particolare attenzione alle persone con disabilità e alle necessità dei cittadini.
I progetti dovevano rientrare in 5 specifiche categorie: energia e ambiente, trasporti e mobilità, comunicazione e immagine, bioingegneria e biotecnologia, nutrizione. I vincitori hanno ricevuto o un premio in denaro del valore di 5.000,00 euro, al lordo delle imposte e tasse, o uno stage presso uno degli sponsor dell’iniziativa o un supporto allo start up d’impresa, per realizzare e concretizzare il proprio progetto.
Dopo una prima fase di selezione, che ha identificato su un totale di 113 progetti ricevuti 7 finalisti per ognuna delle 5 categorie, la giuria del premio, composta da personalità istituzionali e d’impresa, ha selezionato gli 11 progetti vincenti:

• CATEGORIA ENERGIA E AMBIENTE

Progetto “Plan Bee un impianto fotovoltaico Quick assembly domestico” di Michele Mingozzi (16-07-1986) e Giuseppe Muriglio (08-09-1986) di Milano, studenti presso il Politecnico di Milano, facoltà di design, prodotto industriale. Il progetto, che è stato premiato con 5.000,00 euro lordi, prevede lo sviluppo di un impianto fotovoltaico domestico costituito da collettori esagonali, leggeri e modulari, che permettono un assemblaggio e un’installazione semplice e personalizzabile, rispetto alla potenza e alla forma che si vuole dare all’impianto. Questo progetto permetterà di realizzare impianti da 1.5-2kWp (kilowatt elettrico di picco) sufficienti per una famiglia media.

• CATEGORIA TRASPORTI E MOBILITA’

Progetto “Micro-Marketing e gestione del trasporto pubblico integrato” di Massimo Tiberi (22-02-1983) di Roma, studente presso l’Università Bicocca di Milano, corso di laurea in Marketing e Mercati globali. Premio ricevuto uno stage in Olivetti a Milano. Il progetto ha come obiettivo la raccolta di informazioni e dati relativi a coloro che utilizzano trasporti pubblici o privati a Milano. La raccolta di informazioni sull’utenza permette di conoscere e interpretare le abitudini e le necessità dei cittadini, per ottimizzare la viabilità e migliorare il rapporto qualità-prezzo del servizio.

Progetto “Ticket di viaggio con … lotteria” di Eugenio Miglietta (29-09-1982) di Napoli, studente presso l’Università Federico II di Napoli, corso di laurea in Ingegneria Gestionale dei Progetti e delle Infrastrutture. Il progetto, premiato con uno stage in ATM a Milano, è nato dall’idea di introdurre nel sistema dei trasporti una logica di tipo premiale, attraverso l’emissione di speciali titoli di viaggio, a cui viene associata una lotteria, al fine di motivare l’utenza verso il trasporto collettivo. Con soli pochi centesimi in più oltre al normale costo del biglietto ordinario, l’utente potrà vincere premi in denaro o accedere gratuitamente ai percorsi storico-artistici della città e usufruire del servizio di bike sharing milanese denominato BikeMi.

Progetto “Individuazione aree urbane con maggiore probabilità di dissesto” di Francesco Imparato (28-12-1987) di Napoli, laureato in Ingegneria Gestionale dei Progetti e delle Infrastrutture, presso l’Università Federico II di Napoli. Il progetto è stato premiato con uno stage in Autostrade Milano Serravalle. L’idea si basa sull’utilizzo di una metodologia probabilistica, che permette di individuare le aree urbane, della città di Napoli nello specifico, con maggiore probabilità di dissesto, al fine di pianificare gli interventi di manutenzione preventiva. La metodologia probabilistica applicata fa riferimento a un modello innovativo utilizzato principalmente negli Stati Uniti, e ancora poco sfruttato in Italia. Il modello denominato “Metodo delle Copule” è particolarmente utile per la risoluzione di questa tipologia di problematiche.

Progetto “Sistema di navigazione per ipovedenti basato su UMTS, GSM, BlueTooth” di Piero Degasperi (05-07-1984) di Trento, studente presso l’Università degli Studi di Trento, corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. Il progetto, premiato con uno START UP – VOUCHER LIFEBILITY presso il Politecnico di Milano, è nato con l’idea di permettere a ciechi e ipovedenti di crearsi le proprie mappe e i propri tragitti, sapendo sempre la propria esatta posizione.

• CATEGORIA COMUNICAZIONE E IMMAGINE

Progetto “Studio 28 – Web TV italiana su tematiche sociali” di Valeria Bottiglieri (18-05-1981) e Andrea Mazza (21-01-1986) di Milano, studenti presso l’Università degli Studi di Milano, corso di laurea in Scienze della Conservazione dei Beni Culturali. Per questo progetto è stato premiato Andrea Mazza con uno stage in Cefriel a Milano. Il progetto si fonda su un servizio informativo realizzato on line, basato sull’uso di video e rivolto al mondo della cultura. Nel corso del 2010 sono stati realizzati 105 video che hanno ricevuto 458 commenti. Questo strumento dovrebbe aiutare a tenere maggiormente aggiornati cittadini, operatori culturali e giovani artisti sul mondo della cultura e dell’arte.

Progetto “Accessible Movies App” di Ottavia Spaggiari (03-09-1982) di Modena e Alessandra Carta (29-08-1982) di San Benedetto del Tronto, studentesse presso l’Università di Bologna, corso di laurea in Scienze della Comunicazione. Il progetto, premiato con uno START UP – VOUCHER LIFEBILITY presso il Politecnico di Milano, consiste in un’applicazione che permette di scaricare l’audio-descrizione dei film, cioè una descrizione delle scene prive di dialogo, così da renderle comprensibili a ciechi e ipovedenti. Grazie all’uso di auricolari, l’utente riesce ad ascoltare l’audio-descrizione senza disturbare gli altri spettatori.

Progetto “Mr. Wolf – Assistenza ai disabili in mobilità” di Andrea Gerino (24-05-1984) di Savona, studente presso l’Università degli Studi di Milano, laurea magistrale in Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione. Il progetto, premiato con 5.000,00 euro lordi, è un’applicazione per smartphone tramite la quale persone con disabilità potranno ottenere aiuto da coloro che si trovano nelle vicinanze. Il servizio offrirà social interaction, reputation e rewarding per il coinvolgimento degli utenti.

• CATEGORIA BIOINGEGNERIA E BIOTECNOLOGIE

Progetto “Prevenzione delle piaghe da decubito” di Elisa Marenzi (08-03-1986) di Pavia, studentessa presso l’Università degli Studi di Pavia, corso di laurea in Ingegneria Biomedica, Dottorato di Ricerca in Bioingegneria e Bioinformatica. Il progetto è stato premiato con 5.000,00 euro lordi, e consiste in un sistema costituito da una matrice di sensori capacitativi, in grado di monitorare la distribuzione della pressione delle persone costrette a rimanere sedute o allettate per lunghi periodi di tempo. Un attuatore, formato da una serie di camere ad aria, aiuta a modificare la posizione del soggetto, per distribuire meglio il peso ed evitare le piaghe da decubito.

• CATEGORIA NUTRIZIONE

Progetto “L’agricoltura del mare” di Marco Pizzamiglio (09-08-1989) di Udine, studente presso l’Università degli Studi di Udine, corso di laurea in Ingegneria Gestionale Industriale. Il progetto, premiato con 5.000,00 euro lordi, è nato dall’idea che utilizzando grandi vasche superficiali dai costi molto ridotti, si potrebbero coltivare numerose specie di alghe e plancton. Queste fonti nutrizionali potrebbero essere utilizzate per creare alimenti a basso costo per i paesi in via di sviluppo o, nelle prime fasi, per produrre una materia prima utile alla fabbricazione dei mangimi per allevamenti.

Progetto “Sensibilizzare i bambini a mangiare frutta e verdura” di Anna Morelli (31-07-1986) e Silvia Cau (27-01-1987) di Milano, studentesse presso l’Università IULM Milano, corso di laurea in Psicologia delle organizzazioni e del marketing. Per questo progetto è stata premiata Anna Morelli con uno stage in GE.RI. HDP a Milano. Il progetto consiste in un programma di educazione alimentare che mira non solo a incrementare il consumo di frutta e verdura nelle scuole, ma anche a ovviare agli enormi sprechi delle mense scolastiche, a favore di cittadini meno abbienti. Il progetto si basa su strategie che lascino al bambino, che non mangia frutta e verdura, o che ne mangia troppo poca, la libertà e il tempo necessario per assaggiare questi cibi supportandolo nella scelta.

Tra le aziende partner del Lifebility Award: AlmaLaurea, Associazione Italiana di Bioingegneria, Bachelor, Banca Prossima, Borsani Comunicazione, Circolo della Stampa MI, Eidon, Elliot Soccorso Onlus, Formaper, HR Services Net, IdeaTRE60, MUST (Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia), Prospera, Sintema PKF, Studio Esse e The Hub Milano.

Per maggiori informazioni: www.lifebilityaward.com

Leave a Comment