Premio EOLO AWARDS 2012 miglior progetto produttivo a La Stanza Blu di Le Nuvole e Teatro Stabile di Napoli

Un teatro stabile, il Mercadante di Napoli, invita una compagnia storica del teatro ragazzi napoletano, Le Nuvole, a creare spettacoli per ragazzi ispirati ai grandi classici che parallelamente vengono programmati anche nella sala grande per gli adulti. Le nuove opere vengono replicate in contemporanea nel ridotto e così, mentre papà e mamma si gustano i loro testi preferiti, i più piccoli fanno altrettanto” è con queste parole che lo scorso 10 maggio, durante il Festival Segnali di Milano, La Stanza Blu di Le Nuvole e Teatro Stabile di Napoli/Teatro Mercadante è stato premiato con l’Eolo Awards 2012 come miglior progetto produttivo.

Il premio è stato assegnato dalla rivista Eolo, che decreta ogni anno le migliori creazioni di teatro ragazzi, ma la motivazione del riconoscimento tributato a La Stanza Blu è unica nel suo genere così come unica è la sperimentazione messa in campo da questi due stabili della città di Napoli.

La Stanza Blu rappresenta, infatti, un’esperienza di straordinaria ambizione e singolarità nel panorama europeo – interviene Giovanni Petrone, direttore artistico di Le Nuvole, e continua – In nessun’altra città esiste un teatro, in cui venga proposto contemporaneamente in programmazioni parallele, rispettivamente per adulti e per ragazzi, un medesimo testo teatrale, per di più appartenente alla tradizione nazionale ed internazionale”.

Le Nuvole e il Teatro Stabile di Napoli sono tre anni – dal 2009 – che portano avanti questo percorso di duplicazione di un medesimo titolo, che consente ad adulti e ragazzi insieme di vivere il teatro della città, come luogo e come esperienza artistica, nello stesso momento. Una possibilità di sostanziale valenza sociale questa che consente ad un genitore e a suo figlio, ad un nonno e a suo nipote di non doversi separare ma di condividere un tempo ed un interesse, quello per il teatro, confrontandosi su una medesima drammaturgia sebbene ‘sperimentata’ in adattamenti differenti e ciascuno coerente con la propria età.

E’ stato davvero semplice e del tutto naturale scoprire come la lingua di Shakespeare o di Molière, di Beckett o di Garcìa Lorca e Ibsen, ognuna attraverso la propria unicità stilistica, ma anche con la stessa universalità poetica, sia straordinariamente comprensibile anche per le giovani generazioni di pubblico – intervengono Fabio Cocifoglia e Rosario Sparno, che degli spettacoli prodotti hanno curato la regia. Insieme a loro molti artisti hanno scelto di entrare ne La Stanza Blu da Nunzia Schiano a Antonella Romano, da Loredana Piedimonte a Giorgia Coco, Giulia Pica e Paola Zecca, da Massimiliano Foà a Luca Iervolino, Stefano Ferraro e Massimo Cordovani. Attori ma anche musicisti e scenografi, nomi e volti di formazione ed esperienza diverse che hanno con convinzione creduto nel progetto i cui esiti tuttavia, in fase di avviamento, non erano affatto scontati: il confronto tra due differenti generazioni di pubblico sulla medesima opera, il dialogo sui personaggi e gli approfondimenti sull’autore hanno poi restituito un feedback estremamente positivo. Riconosciuto, oggi, da questo premio ma sostenuto anche dalla stampa estera. Recentemente, infatti, è apparso un articolo dedicato a La Stanza Blu sulla rivista tedesca Theater der Zeit in cui le radici del progetto andavano fatte risalire ad alcune sperimentazioni dei teatri d’Avanguardia, sottolineandone ‘la funzione sociale e riconoscendo il valore artistico delle produzioni messe in scena’.

Nel corso di quest’ultima stagione, infine, le produzioni La Stanza Blu hanno avuto occasione di incontrare pubblico di ragazzi ed adulti di tutta Italia grazie alla ricca tournèe de L’avaro, che ha avuto tappe soprattutto in Toscana, Marche e Puglia dove, inoltre, sabato scorso 19 maggio 2012 l’ultimo spettacolo prodotto Una casa di bambola ha preso parte al Festival Maggio all’Infanzia della Fondazione Città Bambino di Bari.

L’appuntamento è per la prossima, imminente, stagione 2012/2013 per conoscere le novità che questo progetto avrà da offrire e che potranno essere seguite sui siti internet www.lenuvole.com e www.teatrostabilenapoli.it.


EOLO AWARDS 2012 DEDICATO A MANUELA FRALLEONE

  

      Eolo Awards 2012 al miglior progetto produttivo a La stanza blu di Le Nuvole/Teatro Mercadante per la peculiarità di un progetto in cui un teatro stabile, il Mercadante di Napoli, invita una compagnia storica del teatro ragazzi napoletano, Le Nuvole, a creare spettacoli per ragazzi ispirati ai grandi classici che parallelamente vengono programmati anche nella sala grande per gli adulti. Le nuove opere vengono così replicate in contemporanea nel ridotto e così mentre papà e mamma si gustano i loro testi preferiti, i più piccoli fanno altrettanto. Questo è il progetto “La stanza Blu” che ci ha regalato ‘tra gli altri’ “L’Avaro”, “Aspettando Godot”, “La Tempesta”, “La scuola delle mogli”, “Casa di Bambola” e “La Casa di Bernarda Alba” riscritti appositamente per un pubblico di ragazzi.

Leave a Comment