A teatro con la natura: la TEMPESTA di Le Nuvole in scena nella Foresta di Cuma

domenica 6 maggio 2012 ore 10.00 e 12.00
Le Nuvole e Teatro Stabile di Napoli in
“TEMPESTA nella FORESTA”
evento inserito in “Il bosco e la duna 2012” a cura di Assessorato Agricoltura Regione Campania
Foresta Regionale di Cuma, Strada della Colmata – 80078 Pozzuoli (NA)

Sbucciarsi le ginocchia arrampicandosi sugli alberi, macchiarsi d’erba rotolandosi sul prato, affannarsi al sole rincorrendo una lucertola fra i rovi: per pochi fortunati questi sono i ricordi di una infanzia ormai trascorsa ma per i più sono gesti senza alcun senso. Ne è scientificamente convinto il pedagogista americano Richard Louv che, in una recente ricerca condotta dal National Trust, ha parlato di ‘disturbo da deficit di natura’, ovvero l’incapacità di vivere all´aria aperta e sperimentare la natura in tutto il suo caos di cui siamo tutti un po’ vittime dai grandi ai piccini. Per porre rimedio a questa imperdonabile mancanza domenica prossima 6 maggio 2012 l’appuntamento con la natura è fissato alle ore 10.00 e 12.00 presso la Foresta Regionale di Cuma (Pozzuoli, NA) dove – in occasione della III edizione di “Il bosco e la duna”, la manifestazione a cura dell’Assessorato Agricoltura della Regione Campania che riunisce una serie di eco-giornate programmate da maggio a ottobre – andrà in scena TEMPESTA nella FORESTA. Il teatro stabile d’innovazione Le Nuvole e il Teatro Stabile Napoli Mercadante proporranno un adattamento – consigliato fin dagli 8 anni – de “La Tempesta” di W. Shakespeare per la regia di Rosario Sparno con Massimiliano Foà, Luca Iervolino e Paola Zecca accompagnati dalle sonorità dal vivo di Massimo Cordovani nell’allestimento – 100% ecologico e a impatto zero – arricchito dalle istallazioni di Antonella Romano e le intuizioni di scenotecnica di Riccardo Cominotto e Gaetano di Maso.
L’isola incantata nata dalla fantasia del drammaturgo inglese, l’isola fatta di spremute di more e fresche sorgenti d’acqua, trova qui la sua dimensione reale, oltre che naturale. E su questa scena si muoveranno, come in un sogno, il servo-mostro Calibano, il mago Prospero e sua figlia Miranda interpreti di una vicenda in cui le parole diventano strumento di magia e di libertà.
“Nel mondo perfetto immaginato da Calibano la natura produce tutto da sé” – ricorda Rosario Sparno – “e anche la performance da noi proposta sembra come evocata dalla natura stessa. Le fronde dei lecci guidano i corpi sulla scena e le onde dal mare portano alla bocca le parole dei poeti da Shakespeare a Eduardo. Un’esperienza ‘con’ la natura piuttosto che semplicemente ‘nella’ natura”.
Per dare ulteriore risalto, pertanto, all’aspetto naturalistico dell’allestimento insieme allo spettacolo teatrale sarà proposta una breve passeggiata nel lecceto storico, attraverso le dune, accompagnati dai comunicatori scientifici de Le Nuvole Mariangela D’Aquino, Paola Pini e Silvia Viparelli, che introdurranno gli ospiti alla conoscenza della flora tipica del paesaggio mediterraneo, per coglierne gli aspetti di valenza scientifica e soprattutto apprezzarne le suggestioni sensoriali.
L’evento è per un numero limitato di partecipanti, pertanto la prenotazione è obbligatoria e potrà essere inoltrata ai recapiti 081.239.5653/5666 (lun./ven. – 9.00/17.00) e info@lenuvole.com fino a venerdì 4 maggio 2012.
Tutti gli ulteriori dettagli e le modalità di partecipazione potranno essere consultati sul sito internet www.lenuvole.com o alla pagina facebook www.facebook.com/teatrolenuvole.

TEMPESTA di Le Nuvole teatro stabile d’innovazione ragazzi e Associazione Teatro Stabile della città di Napoli
adattamento e regia Rosario Sparno; con Massimiliano Foà, Luca Iervolino e Paola Zecca; musica dal vivo Massimo Cordovani; istallazioni artistiche Antonella Romano; scenotecnica Riccardo Cominotto e Gaetano di Maso; assistente alla regia Henrike Beran.

dagli 8 anni
ingresso – posto unico: €. 7,00 (grandi e piccoli)

prenotazione e preacquisto obbligatori: 081 2395653 – 2395666 (feriali ore 9.00 – 17.00)
info@lenuvole.com – www.lenuvole.com

Leave a Comment