Nuova Gandiplast apre le sue porte agli alunni della scuola primaria di Gandino

Nuova Gandiplast – società specializzata nella produzione di sacchi in polietilene per la raccolta differenziata, aderente al Consorzio CARPI (Consorzio Autonomo Riciclo Plastica Italia) – ospiterà venerdì 4 maggio 2012, i ragazzi delle classi 5° della scuola primaria di Gandino (BG), zona presso cui ha sede la ditta, per un progetto di sensibilizzazione che mette al centro il rispetto per l’ambiente, aspetto fondamentale della mission aziendale.
Nata nel 1965, Nuova Gandiplast ha sviluppato nel corso degli anni il processo di recupero e riciclo degli imballaggi primari e secondari di polietilene, utilizzando impianti di lavaggio di propria progettazione e realizzazione. Da sempre impegnata sul fronte dello sviluppo sostenibile, l’azienda ha aderito a un progetto di educazione ambientale, inerente il tema del riciclo dei materiali usati, promossa dalle classi 5° della scuola primaria di Gandino, che prevede il coinvolgimento di alcuni studenti del posto nella realtà dell’azienda, un’eccellenza del territorio la cui attività spesso non è conosciuta in maniera approfondita.
A seguito di un primo incontro, tenutosi lo scorso venerdì 13 aprile, e durante il quale è stato mostrato un video inerente la storia e il processo di recupero, rigenerazione e lavorazione dei sacchi per la raccolta differenziata, i ragazzi si sono dimostrati molto interessati ed entusiasti. Per questo motivo, l’azienda si è offerta di accogliere gli alunni per una visita guidata presso i propri impianti di lavorazione, per permettere loro di osservare da vicino la procedura di trasformazione da scarto di polietilene in nuovi prodotti, quali sacchi e sacchetti di varie misure e colori per la raccolta differenziata di rifiuti urbani. Scopo ultimo dell’iniziativa, mettere a conoscenza i ragazzi della possibilità di riciclare i vari materiali, avvicinandoli così ai temi della sostenibilità ambientale, al fine di incoraggiarli a diventare cittadini consapevoli dell’impatto delle proprie scelte sul territorio.

Leave a Comment