Quando l’opera d’arte va in scena

Si alzi il sipario, che entrino le opere d’arte!
In molte occasioni abbiamo visto delle opere d’arte entrare in scena, vuoi per un allestimento scenografico, vuoi perché il teatro diventava occasione per parlare, spiegare e divulgare l’arte, come ad esempio con alcuni lavori di Dario Fo.
In questo caso però la faccenda è diversa.
Siamo di fronte a opere d’arte che non solo fungono da scenografia ma risultano essere vere e proprie componenti attoriali che dialogano con l’artista sul palcoscenico.
Parliamo delle opere d’arte di Marisa Merlin, soggetto artistico tra i più interessanti del panorama contemporaneo italiano. Merlin è, tra le tante altre cose, l’ideatrice e la curatrice di Riciclarti – CANTIERE ARTE AMBIENTALE che da quest’anno diventerà l’importante Biennale RICCAA, uno dei progetti più significativi del territorio e che coinvolge Artisti e Designers chiamati a riflettere su tematiche di grande attualità legate alla salvaguardia dell’ambiente.
Merlin realizza le sue opere e le sue installazioni usando oggetti del quotidiano, prevalentemente materiali di recupero. Sovverte il loro uso: li sottrae al disuso, al loro essere divenuti “scarto” e li nobilita attraverso il suo percorso di creazione artistica.
Le opere di Merlin hanno incontrato il mirabolante Vasco Mirandola che nel suo nuovo spettacolo “Una testa piena di farfalle” le ha volute al suo fianco come protagoniste.
L’approccio sperimentale di Mirandola, durante quella che è stata la partenogenesi critica degli spettacolo-studio, ha consentito lo sviluppo di un dialogo sempre più intimo e importante con le opere d’arte di Merlin che si sono affermate come veri e propri agenti attivi della narrazione scenica.
Ma quali sono le opere d’arte “attrici in scena”?
Abbiamo ad esempio un “Globo luminoso” sospeso in aria a cui Vasco Mirandola si rivolge durante lo spettacolo. Quest’opera fa parte di un’installazione molto più ampia e complessa dal titolo “Le nuvole spinose”. Si tratta di un mondo costruito con un mosaico di plastica di scarto.
Alcuni altri personaggi “opere d’arte” a cui l’attore si rivolge durante la narrazione delle storie, fanno invece parte dell’installazione “Ombre protettrici”. Ombre che restano nello sfondo del nostro quotidiano ma che rassicurano, con la loro esistenza, il nostro cammino. La cartapesta di cui sono fatte è un materiale semplice, leggero ma allo stesso tempo forte e robusto.

gUna testa piena di farfalle”, la performance teatrale di cui Mirandola è autore e interprete, è un fuoco d’artificio di pensieri, idee, parole in libertà: per raccontare la vita, cercando di correre dietro a un “senso” che sfugge, che gioca a nascondersi, magari tra le nuvole di plastica riciclata o dietro un globo spinoso o nei tanti altri oggetti: le opere di Merlin appunto, che sembrano il riflesso di una realtà irreale. Anzi, surreale. Un universo quasi felliniano, dove nulla è come sembra.
E non a caso è proprio tra le pagine di autori emiliani e romagnoli che Mirandola va a cercare parole da affiancare alle sue, con le quali raccontare questo mondo altro, poetico e visionario, che sembra a tratti affiorare dalle nebbie di Amarcord: da Raffaele Baldini di Sant’Arcangelo di Romagna al modenese Ugo Cornia, dal parmense Paolo Nori ad Andrea Benati, da Ermanno Cavazzoni di Reggio Emilia al grande Cesare Zavattini.
Gli ultimi due spettacoli-studio, prima della tourné nazionale, si terranno a Mestre, Venezia, presso il Teatro della Murata il giorno 5 maggio alle ore 21 e il giorno 6 maggio alle ore 18. Dopo lo spettacolo del 6 maggio il pubblico potrà partecipare a “Aperitivo con l’attore”: Vasco Mirandola parlerà dello spettacolo e del suo ultimo libro “CARPE DIEM, TROTE GNAM”, mentre Marisa Merlin condividerà con il pubblico il suo lavoro d’artista.

 

Ufficio Stampa Marisa Merlin
dott.ssa Barbara Codogno
anubi31@gmail.com
cell 349 5319262

 

 

Leave a Comment