A CHIAVARI PARTE IL PROGETTO ‘LA SCHIENA IN CLASSE’, PER PREVENIRE NEI BAMBINI LE PATOLOGIE DEL MAL DI SCHIENA

AL VIA NELLE SCUOLE PRIMARIE DI CHIAVARI, A CURA DELL’ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI E PUBBLICA ISTRUZIONE COORDINATO DA VALERIA LEONI, IL PROGETTO “LA SCHIENA IN CLASSE”, PER PREVENIRE NEI BAMBINI LE PATOLOGIE DEL MAL DI SCHIENA

È partito da pochissimi giorni, a cura dell’assessorato ai Servizi Sociali e alla Pubblica Istruzione del Comune di Chiavari, coordinato dall’assessore Dott. Valeria Leoni (nella foto), l’interessante progetto “La Schiena in Classe”. L’iniziativa coinvolge la scuola primaria di Caperana, in Via Parma 182 e continuerà in tutte le scuole primarie di Chiavari: Ri Piani in Piazza Sanfront 33, Fara in Via Prandina 6, Mazzini in Piazza San Francesco 3, Sanpierdicanne in Via Sanpierdicanne 74, Solari in Salita De Scalzi 27. «Questo progetto – spiega la Dott. Valeria Leoni, che è anche primario di Fisioterapia dell’Asl 4 Chiavarese – si pone come fine la valutazione della schiena in età scolare, con lo scopo di individuare precocemente le alterazioni vertebrali (prevenzione primaria) e prevenire le deformità quali la scoliosi e la cifosi, che sono causa al mal di schiena nell’adulto. Una prima fase del progetto prevede la valutazione della schiena agli alunni di IV e V della scuola primaria (9 e 10 anni) sia maschi, sia femmine. Una seconda fase, invece, riguarderà la valutazione degli alunni, maschi e femmine, della I, II e III della scuola secondaria di primo grado (11-13 anni)». Il progetto prevede un incontro con gli insegnanti e gli esperti in patologie vertebrali e poi un incontro tra insegnanti, esperti e genitori, così da valutare l’adesione al progetto stesso con una scheda di consenso. La valutazione avverrà presso le palestre o luoghi idonei degli istituti scolastici sempre in presenza di un accompagnatore del minore, con un’indagine di I livello svolta da personale non medico ma esperto in patologie vertebrali e da un’indagine di II livello svolta da un medico esperto su indicazione del personale di I livello. Per ogni alunno visitato viene compilata una scheda anagrafica e annotati i dati sulla valutazione anteriore – laterale della schiena e sulla terapia consigliata, sia essa fisioterapica o correttiva (se per esempio si presenta un piede piatto si può richiedere un plantare, se c’è una differente lunghezza degli arti si può richiedere un rialzo). Il progetto prevede a seguito della valutazione tre indicazioni: nulla da segnalare; identificazione di un atteggiamento scoliotico; lieve alterazione vertebrale. In seguito a queste tre valutazioni i bambini potranno ricevere le seguenti indicazioni: per tutti attività fisica svolta presso la scuola da Personale specializzato, se possibile con la presenza della maestra, di 1 ora alla settimana per 6 settimane con ginnastica posturale e vertebrale; corsi più specifici di ginnastica vertebrale con 4-5 partecipanti che vengono svolti, sempre su iniziativa dell’Assessorato, presso il Palazzetto dello sport di Chiavari, al costo di 30 euro per 10 sedute; valutazione medica specialistica di secondo livello per un eventuale approfondimento diagnostico con esami specifici e/ o controllo a distanza di 6 o 12 mesi. In quest’ultimo caso verrà fissato l’appuntamento per la visita da parte del Personale valutatore con il Responsabile del progetto. «Il Comune di Chiavari – osserva la Dott. Leoni – da anni ha intrapreso iniziative per prevenire il mal di schiena, evitando così l’isolamento sociale e l’astensione dal lavoro dei propri cittadini. In questa fase del progetto l’Assessorato si vuole rivolgere ai propri cittadini più giovani, prevenendo le alterazioni vertebrali che, se non individuate e trattate, possono portare in età adulta a deviazioni vertebrali permanenti e al mal di schiena». Secondo gli studi, i soggetti che presentano deviazioni vertebrali che richiedono la visita del medico specialista sono dal 5 al 10%. Gli altri casi presentano delle alterazioni vertebrali dovute a posture sbagliate (atteggiamento scoliotico) che possono essere corretti con un’adeguata ginnastica vertebrale e una corretta postura da seduto, durante le ore di studio o evitando carichi eccessivi sulla schiena.

INFORMAZIONI

Dott. Valeria Leoni

Assessorato ai Servizi Sociali, Sanità e Pubblica Istruzione

Palazzo Comunale 1º piano – Tel. 0185 365206

E-mail: leoni@comune.chiavari.ge.it

Leave a Comment