Mostra “Donne : Mito Storia Cronaca” 1848 – 1946

Mostra “Donne : Mito Storia Cronaca” 1848 – 1946

 

8 – 29 marzo 2012

 

Inaugurazione 8 marzo ore 16,30 Biblioteca Pasolini

 

Viale dei Caduti per la Resistenza, 410 /a- 00128 (Spinaceto) Roma

Telefono 06 – 45460520

lunedì 9.00 -13.00 / 15.00 -19.00.

da martedì a venerdì 9,00 -19,00 

sabato 9.00-13.00

 

Artisti

Paola Benelli, Vania Benini,Dalma Cimino, Zlata Grgurevic, Aleksandra Kasperek, Egidio Manna,Sebastiano Messina, Caterina Mulieri, Armando Pelliccioni, Germana Ponti, Marino Rossetti, Stefania Santi, Claudio Spoletini

 

A cura delle Associazioni Culturali Artistiche di Roma :   

A.C.C.A. della Storica dell’Arte Livia Compagnoni   e-mail : liviacom@tiscali.it

ESPRESSIONI D’ARTE della Dott.ssa Tiziana Di Bartolomeo   

e-mail : info@espressionidarte.it

 

Readings a cura di: Aida Loreti e Melchiorre Carrara

 

Le Associazioni A.C.C.A. ed Espressioni D’Arte presentano questa mostra dedicata alle donne che hanno fatto la storia D’Italia fino al 1946 e hanno avuto un peso rilevante per la crescita dei Diritti delle donne; questa mostra è il proseguimento ideale di quella che hanno dedicato alle donne del Risorgimento nel 2011 (Tiziana Di Bartolomeo)

 

“DONNE :  MITO STORIA CRONACA “  1848 – 1946

 

è il titolo della mostra d’arte e di due conferenze correlate che proponiamo come ulteriore approfondimento di questa nostra ricerca intorno all’universo donna. Esso vuole essere un riconoscimento, alle numerose donne che combattendo durante il Risorgimento prima e durante la Resistenza poi, hanno realizzato conquiste significative, donne testimoni di un passato prossimo e remoto della memoria culturale-storica, donne che, ricomponendo, i sentieri del ricordo emotivo, hanno ripercorso le analogie e le corrispondenze con il tempo contemporaneo.

Il ricorso al Mito con la figura di Diotima, donna Mantiniké ( Platone “Simposio”201,d ) si staglia netto, nella fatalità e perennità del mito di Eros, dal ricco palinsesto delle interpretazioni, così come ogni figura di donna presente nei contesti di Storia e Cronaca rappresenta l’affermazione della propria emancipazione, culminata con il Diritto di Voto alle Donne e la conquista del traguardo politico-sociale per il riconoscimento di una piena cittadinanza , determinando così definitivamente l’affermazione legittima del riconoscimento sociale oltre che politico.

La nostra strada è iniziata, siamo riuscite ad ottenere l’uguaglianza ma non basta la proclamazione dei diritti se a questa non si accompagna il riconoscimento del valore della donna da parte della società.

                                                                                                                                 ( Livia Compagnoni )

Leave a Comment