Baveno Festival Umberto Giordano – XI edizione 2008 L’opera al cinema Storia della colonna sonora negli anni di Giordano

Il Baveno Festival Umberto Giordano torna a proporre al proprio pubblico un itinerario che poggia sulla ricerca di legami tra generi artistici differenti, con particolare riguardo per il periodo Verista, di cui Umberto Giordano fu esimio rappresentante: cinema e musica il filo conduttore della rassegna 2008.
La manifestazione, sottotitolata L’opera al cinema, propone un programma che sottolinea i rapporti stretti tra il mondo della lirica e quello del cinema ai suoi esordi. Di qui la programmazione di due concerti dedicati alla musica, ma anche ai film, ispirati ai titoli lirici di Umberto Giordano e di Giacomo Puccini:
il 5 luglio a Villa Giulia di Verbania, in collaborazione con Verbania Musica e Classicamente, il pianoforte di Marcello Parolini proporrà al pubblico una scelta di arie, rielaborate per la tastiera, dai maggiori titoli dei due autori;
l’11 luglio a Palazzo dei Congressi di Stresa il Baveno Festival Umberto Giordano, in formazione allargata a costituire una vera e propria orchestra da camera, con la partecipazione della voce di Sabina Macculi, proporrà una selezione di brani strumentali da opere di Puccini, Mascagni e Giordano.
Il Festival si propone inoltre di accompagnare lo spettatore-ascoltatore lungo un percorso intorno alla storia della colonna sonora della grande filmografia italiana, europea ed americana, in voga negli anni di Umberto Giordano. Di qui la programmazione di due appuntamenti ad essa dedicati:
il 6 luglio nella Sala Nostr@domus, il trio composto da Luigi Zanardi pianoforte, Emilio Vapi flauto e Paola Lopopolo voce, sarà protagonista di un programma dedicato alle colonne sonore da film di scuola italiana ed americana;
il 10 luglio sempre nella Sala Nostr@domus, l’Ensemble Duomo di Roberto Porroni proporrà musiche per il cinema di Dmitrij Sostakovic e Charlie Chaplin.
Il cartellone del Festival si completa con una serie di appuntamenti volti alla valorizzazione dei luoghi cari al compositore:
nella prepositurale di Baveno il concerto inaugurale, venerdì 4 luglio, che vedrà la partecipazione del Gruppo cameristico dell’Accademia Montis Regalis e della voce di Hanke Hermann impegnati nella presentazione di pagine inedite di Antonio Vivaldi, e il concerto conclusivo, domenica 12 luglio, che vedrà invece la partecipazione del flautista Davide Formisano e del pianista Friedrich Sommer impegnati nella presentazione di un programma bifronte dedicato alla famiglia Bach e al virtuosismo ottocentesco;
a Feriolo, martedì 8 luglio, il concerto del Quartetto di Fiesole che festeggia i vent’anni dalla fondazione eseguendo un programma di musiche di Borodin, Dvorak e Weber.
Da non perdere una serie di importanti eventi collaterali al programma, da considerarsi come un altrettanto ideale dietro le quinte: spiccano i concerti in collaborazione con i Conservatori di Milano e di Torino, istituti di alta formazione musicale, programmati per domenica 29 giugno e per domenica 6 luglio nella Chiesa dei SS. Gervaso e Protaso di Baveno.
Il cartellone prevede inoltre un’anteprima interamente dedicata alla figura di Giacomo Puccini, in occasione della quale sabato 28 giugno, a Villa Fedora, verrà inaugurata una mostra di costumi di scena dalle più note opere del compositore di Lucca. Nell’occasione Massimo Crispi, accompagnato al pianoforte da Marco Rapetti, sarà protagonista di un recital dedicato a Puccini e alle sue donne.
Un’ imperdibile cornice è costituita dallo  spettacolo offerto dalla presenza di installazioni luminose.
Tutti gli appuntamenti del Festival, infatti, godranno di una particolare ambientazione scenografica: due installazioni sonore e luminose saranno accese rispettivamente sulla Piazza antistante il Municipio di Baveno a partire da una settimana prima dell’inizio della manifestazione e sul Sagrato della Chiesa dei SS. Gervaso e Protaso dalla sera del 27 giugno.
“In scena” un filmato composto di immagini (spezzoni di film) che verranno poi proiettate in occasione dei concerti e di altre immagini dalle prove dei singoli appuntamenti: una sorta di anteprima visiva e sonora volta a catturare l’attenzione del pubblico.

Il Baveno Festival Umberto Giordano
è uno dei Festival di Piemonte dal Vivo – in viaggio negli spettacoli tra cultura e turismo

Leave a Comment