Vacanze con bambini

E’ inutile vergognarsene o cercare negarlo anche a se stessi: a volte si ritorna dalle vacanze più stanchi di quando si è partiti. Questo non dipende affatto da una nostra presunta incapacità di stare con loro, spesso dipende esclusivamente dal fatto che, nel luogo che abbiamo scelto, non ci sono abbastanza elementi di interesse per i bambini che quindi, ovviamente, si annoiano e rendono anche le nostre vacanze faticose. Faticose per noi, ma faticose, non scordiamolo, innanzitutto per loro. La scelta della località turistica è importante, ma fondamentale è anche la scelta del tipo di struttura in cui passare le nostre vacanze con bambini. Se amiamo il mare, cerchiamo una struttura che possa offrire momenti di animazione e divertimento per loro, assieme alla possibilità di giocare ed interagire con loro coetamei. Se amiamo la montagna, verifichiamo che nella località o nella struttura dai noi scelti ci sia una adeguata accoglienza anche per i bambini, che può andare dai corsi di bird watching, ad escursioni guidate in compagni di altri bambini. Se la scelta cade su un villaggio turistico, verifichiamo che ci siano animazioni, giochi e divertimenti anche per loro e non solo per noi. Fare le vacanze con bambini, non significa obbligarli a stare 24 ore al giorno con noi e solo con noi, ma significa anche offrire loro la possibilità di fare, anche in vacanza, quel che normalmente fanno: interagire con altri bambini, giocare, divertirsi. Le nostre vacanze con bambini, se pensate anche per loro, danno a noi il tempo di riposare, a loro il tempi di divertirsi ed i momenti passati insieme non saranno un peso ma un arricchimento per entrambe le parti.