“Il giorno del Rifiuto”: Il 23 febbraio a Napoli, con Beppe Grillo, Franca Rame, Enzo Gragnaniello, Edoardo Bennato, Tony Cercola, Zorama, Capone e Bungt e Bangt, Giovanni Block, Impact e altri.

IL 23 FEBBRAIO A NAPOLI E’ “IL GIORNO DEL RIFIUTO”!

Sabato 23 febbraio in piazza Dante si terrà “IL GIORNO DEL RIFIUTO”, l’iniziativa organizzata dal Meetup “Amici di Beppe Grillo” di Napoli per dar voce alla protesta dei cittadini contro la situazione di estremo degrado in cui versano Napoli e tanti comuni campani a causa di una politica fallimentare in tema di gestione dei rifiuti.
Una giornata di “dissenso civile” contro le scelte operate dai nostri amministratori, ma anche una giornata di informazione per portare avanti delle proposte concrete per risolvere il “problema rifiuti”, per chiarire i rischi per la salute derivanti dal funzionamento degli inceneritori, per denunciare lo sversamento illegale di rifiuti tossici che ha trasformato la Campania Felix nella “pattumiera d’Europa”.
A tale scopo interverranno studiosi ed esperti in materia di fama internazionale, come Paul Connett, docente di chimica ambientale all’Università di New York, padre Alex Zanotelli membro del Comitato Allarme Rifiuti Tossici, Maurizio Pallante, il professor Giambattista De’ Medici, il professore Giuseppe Comella, il professore Franco Ortolani, il professore Federico Valerio, la dottoressa Patrizia Gentilini, il dottor Antonio Marfella, il prof. Alberto Lucarelli.
Questa grande “MARATONA DEL RIFIUTO” vedrà la partecipazione di Beppe Grillo, Franca Rame, Edoardo Bennato, Enzo Gragnaniello, Capone e Bungt e Bangt, Nello Daniele, Toni Cercola, Sasà Mendoza Quartet Jazz, Zorama, Spakka-Neapolis 55, Enzo La Gatta e le Nuove Nacchere Rosse, Polo La Famiglia, Giovanni Block, Antonio Diana, Anna Troise, Impact, Peter’s Ghospel Choir e tanti altri artisti che si alterneranno sul palco di piazza Dante ininterrottamente dalle ore 12 fino a mezzanotte, per unirsi ai cittadini campani e lanciare un messaggio forte alle Istituzioni locali e nazionali:
IO MI RIFIUTO di accettare passivamente questo disastro ambientale!
In piazza sarà organizzata, inoltre, una raccolta di firme per chiedere che si faccia partire immediatamente la “raccolta differenziata porta a porta”, come avviene in tanti altri comuni italiani.
“L’organizzazione del “Giorno del rifiuto” è stata possibile grazie alla partecipazione attiva di tanti cittadini non solo napoletani ma di tutta Italia, che si sono coordinati attraverso la rete dei Meetup e con l’aiuto del mondo dell’associazionismo campano – ha dichiarato Roberto Fico, organizzatore del “Gruppo Amici di Beppe Grillo” di Napoli – Ci siamo finanche “autotassati” per coprire le spese, senza l’aiuto di nessuno sponsor, né di partiti politici. Siamo convinti che solo dai cittadini può partire la spinta verso una vera rinascita della nostra città e dell’intero Paese. In questo momento così difficile con questa iniziativa vogliamo lanciare un chiaro segnale a tutto il mondo politico: i cittadini non sono più disposti a subire passivamente le decisioni calate dall’alto, senza che vengano ascoltate le loro istanze, i loro bisogni, le loro idee”.
Nonostante la serietà dell’argomento, “Il giorno del Rifiuto” avrà come “marchio di fabbrica” una forte dose di ironia che contraddistingue da sempre tutte le iniziative organizzate da Beppe Grillo attraverso il suo blog e i Meetup.
I “grillini” partenopei, infatti, per pubblicizzare l’evento hanno realizzato un video presente in internet sul sito You-Tube con protagonista una sacchetto della “monezza” parlante, inoltre in piazza verranno distribuiti dei portachiavi-ricordo dell’evento con un mini-sacchetto di spazzatura realizzato con materiali di recupero.
L’invito a partecipare al “Giorno del Rifiuto”, dunque, è rivolto a tutti i cittadini campani che vogliono dimostrare che a Napoli e in Campania ci sono tante persone perbene che si RIFIUTANO di accettare che la loro terra sia divenuta in tutto il mondo il simbolo della “monnezza”!

Per informazioni: beppegrillo.meetup.com/10
www.ilgiornodelrifiuto.org

video: http://it.youtube.com…
 

Leave a Comment