LA VIA DELLA FRECCIA – Che rappresenti la tua essenza!

In ogni persona c’è un desiderio di fare qualcosa della propria vita e riconoscere dove si va. Contemporaneamente apprezziamo la comodità del conosciuto e rimaniamo coi piedi per terra.

La Via della Freccia è un‘opportunità per uscire dal nostro mondo conosciuto per darci e dare al mondo il dono del nostro cammino consapevole e della nostra essenza.

Questo corso è un programma di supporto per marcare la transizione importante nella nostra vita, scoprendone significato, intento e visione e i passi da fare per ottenere il cambiamento che vogliamo.

Offre un’opportunità di scoprire se stessi, le relazioni con gli altri e i loro doni, e di riportare indietro storie e risorse che servono a mantenere un senso nella vita.

Il programma è strutturato come un processo di passaggio che include strumenti antichi e moderni, divertimento e attività creative, così come competenze essenziali per la vita e le arti espressive.

Comprende un tempo da soli nella natura, un tempo in cui ci si racconta, le esperienze riguardanti l’equilibrio esterno per comprendere anche meglio l’equilibrio interiore, gli spazi in cui trattare temi come l’autostima e il rapporto con il proprio corpo, la risoluzione dei conflitti, la comprensione delle emozioni, il lavoro di squadra e come celebrare la diversità, e infine un tempo per integrare il tutto per riportarlo alla propria vita, nel rispetto della dimensione spirituale e per tutti gli esseri viventi in connessione con tutto il Creato, che siano la piccola mosca o la montagna, la luna e le stelle o un altro essere umano…

Uno di questi strumenti è il tiro istintivo con l’arco, che è una disciplina sportiva che si effetua all’aria aperta, in campagna o nei boschi, con attrezzature semplici (archi e frecce in legno), senza l’ausilio di dispositivi di mira.

Il percorso della Via della Freccia riproduce una battuta di caccia, totalmente incruenta, dove i bersagli sono costituiti da fedeli riproduzioni tridimensionali in gomma di animali ed il contatto con la natura è assoluto, dove si abbandona in maniera profonda il mondo esterno e ci si proietta in maniera giocosa, quasi in un clima da favola, nella dinamica del tiro e si ricrea lo spirito istintivo del cacciatore che ognuno di noi porta nel proprio bagaglio genetico.

Ed è proprio nell’abbandonare in maniera spontanea i legami con il mondo esterno ed abbracciare la nostra natura istintiva che si manifestano i nostri limiti le nostre resistenze ed il nostro non essere in equilibrio con noi stessi.

La Via della Freccia propone un cammino che attraverso l’attività giocosa e leggera del tiro con l’arco conduca alla percezione del sé, in modo che ognuno possa vedere in maniera libera, unica e divertente la strada da percorrere, senza sforzo e sofferenza.

Coniugare il tiro istintivo con l’arco e le tecniche energetiche , per liberare la parte nascosta di noi stessi e portarci a percepire un modo nuovo di affrontare il nostro cammino esistenziale.
Un momento “sacro” dove i vari approcci ci avvicinano alla consapevolezza ed il volo delle nostre frecce liberate verso il bersaglio siano l’evidenza di questo nostro avvicinamento.

Riconosciamo i nostri limiti e le nostre incertezze e gli scioglieremo con la forza dell’energia.
Impariamo a respirare in sintonia con il gesto e la dinamica del tiro, e a sentire come occupiamo il posto nello spazio.
Ascoltiamo la percezione del nostro spazio personale, e quanto sia possibile allargarlo.

Tutti i riti di passaggio, che accomunano tutti i popoli antichi e quelli ancora legati alle leggi della natura e dello spirito, presentano tre fasi: completamento del vecchio, attraversamento dell’ignoto e ritorno alla vita rinati.

Questa rinascita avviene anche grazie al gruppo e alla condivisione di questo breve cammino, ma il legame che si creerà, sarà di sostegno e una fonte di energia anche ritornati a casa.

Ti aiuteremo a entrare nel tuo rinnovato Sè con spirito, coraggio e grazia e a celebrare questo passaggio, con gioia nella vita, approfondimento dell’esperienza individuale, luminosità, forza, comunità, apertura di cuore.

L’accresciuta conoscenza di Sé e il maggior rispetto di te stesso che risultano dalla partecipazione hanno un effetto positivo che può durare tutta la vita…

Il seminario sarà tenuto da: Sara Bassot e Stefano Grassini
presso: centro IL VICARIATO Castello di Pietrarubbia (PU)
Orari: dalle 9:00 di sabato 26 alle 18:00 di domenica 27 febbraio 2011

Il seminario à aperto a tutti. Numero limitato di partecipanti.
Costi: Il seminario di due giorni, compreso l’uso dell’attrezzatura specifica costa 250 Euro a testa.
Per qualsiasi informazione e per iscrivervi al seminario, potete contattare:
Sara Bassot – cell.: 340-3868879 oppure e-mail: sarab@dnet.it
Stefano Grassini – cell.: 340/9094797 oppure e-mail: s.grassini@lacasadeitesori.it

Leave a Comment