Le tecnologie innovative di Elettronica Santerno in mostra a PV Rome Mediterranean

Imola (BO), 27 luglio 2010 – Elettronica Santerno S.p.A, società del gruppo Carraro protagonista da oltre 40 anni nel mercato dell’automazione e dei sistemi per le energie rinnovabili, parteciperà alla 4a edizione di PV Rome Mediterranean, il Salone internazionale delle tecnologie fotovoltaiche per il Mediterraneo che si terrà alla Fiera di Roma dall’8 al 10 settembre.

All’interno dell’ampio spazio espositivo (Pad. C Stand E01-F02), Elettronica Santerno presenterà le ultime soluzioni di inverter per il fotovoltaico, con un focus particolare sulle nuove linee di inverter per applicazioni eoliche Etesian Mini per le piccole turbine da 2 a 6 kW, con connessione alla rete in monofase.

Completano la serie di inverter eolici le linee dedicate alle grandi turbine Etesian T ed Etesian D con un range di potenza fino a 5MW, mentre la linea Etesian One copre le turbine medie, fino a 115 kW, con connessione trifase.

“La partecipazione a PV Rome rappresenta un’occasione qualificata per illustrare l’ampiezza della nostra piattaforma d’offerta per il settore delle energie fotovoltaiche ed eoliche. Siamo una delle poche aziende dotate di una gamma completa che parte dai piccoli generatori eolici di 2 kW ed arriva ad inverter per generatori double-fed per grandi turbine eoliche”, commenta Franco Valentini, Direttore Marketing di Elettronica Santerno S.p.A.

◊ ◊ ◊ ◊

Elettronica Santerno, presente da oltre 40 anni nel mercato italiano e internazionale, è una azienda leader su scala mondiale nella progettazione e produzione di inverter per l’industria nei settori dell’automazione e dei sistemi per l’energia rinnovabile. Nel mercato italiano si è specializzata e ha conquistato la leadership negli inverter solari fotovoltaici per megawatt installati e punto di riferimento per gli inverter delle turbine mini eoliche. Dal 2006 è parte del Gruppo Carraro, esponente di punta nella trasmissione di potenza meccanica, con siti produttivi in Italia, Germania, Polonia, Stati Uniti e Argentina, India e Cina.

Leave a Comment