Regole e Norme per la Successione con Testamento Olografo

Per quanto possa essere difficile riflettere quando si è ancora vivi al momento della propria morte, è importante comprendere che ci sono questioni burocratiche da sbrigare e che è bene fare per tempo. È per questo che oggi vorremmo spiegarvi alcune regole su come fare successione con testamento olografo. È infatti una soluzione utile e comoda che fa risparmiare tempo e fatica. Infatti non c’è sempre bisogno di andare dal notaio, disturbare i testimoni ecc. si può fare tutto comodamente a casa propria!! Ma vediamo un attimo i diversi modi e le regole collegate per poter fare testamento senza sbagliarsi.

 

Fare Testamento Pubblico dinnanzi al Notaio

La soluzione più “ufficiale” per fare testamento, è quella di andare dal notaio e fare con lui il testamento. Si tratta del testamento pubblico ed è un po’ più complesso.  Bisogna andare dal proprio notaio con due testimoni che certificheranno che il testamento scritto dal notaio corrisponde alle volontà della persona che hanno accompagnato. Una volta arrivati all’ufficio del notaio, chi vuole fare testamento deve dettare le proprie volontà a questi. Il notaio trascriverà il tutto. Il documento così risultante dovrà, per essere considerato valido, essere firmato dal testatore (termine che definisce chi sta facendo testamento), da entrambi i testimoni, e, naturalmente, dal notaio stesso. Naturalmente una copia dello stesso rimarrà al notaio per sicurezza.

In base alle leggi notarili, le persone non vedenti, hanno l’obbligo di usufruire esclusivamente di questa forma di testamento. Non possono infatti, fare testamento olografo. Lo stesso vale per chiunque non sia in grado di sottoscrivere il proprio testamento, per qualunque motivo.

 

Fare Testamento Olografico, ovvero, Senza Notaio

Come si diceva, le proprie volontà possono essere redatte anche senza la presenza di un notaio e dei testimoni. Tuttavia per renderlo valido, vi è bisogno che si rispettino alcune regole. Questo tipo di testamento, deve essere redatto su un foglio di carta, e può essere scritto come normale testamento o in forma di lettera. La cosa più importante e che sia scritto a mano.

Non viene infatti riconosciuto valido nessun testamento che sia scritto con qualche forma di scrittura meccanica: personal computer, macchine da scrivere, ecc. Ogni parte del testamento, quindi, deve essere scritto a mano. Inoltre è importantissimo, anzi, fondamentale, che il documento venga firmato dal testatore, ovvero chi ha scritto il documento, e che venga apposta con precisione la data della stesura. Naturalmente il documento deve essere scritto interamente dalla mano del testatore, non dettato in nessuna sua parte ad terze persone.

 

Da Ricordare

Un documento testamentario può essere revocato o modificato in qualunque momento, e, quindi, sostituito con un nuovo testamento. Sia che sia scritto di proprio pugno, sia che sia stato redatto con l’aiuto di un notaio.

È importante che il documento venga conservato  in un luogo sicuro, si può anche dare una copia dello stesso al proprio notaio, anche qualora non sia stato scritto con il suo aiuto. E’ bene nasconderne una copia in un posto sicuro e magari dare un’altra copia del testamento a chi risulta, dallo stesso, il maggior beneficiario.

Questa voce è stata pubblicata in Eventi generici. Contrassegna il permalink.