CONAPI presenta “BEE ACTIVE! Attivi per le api”, la campagna contro l’uso dei pesticidi per la tutela dell’ambiente, della salute e dell’economia

L’utilizzo intensivo di pesticidi in agricoltura è la principale causa della progressiva e preoccupante scomparsa delle api che, grazie all’impollinazione, assicurano la presenza di colture indispensabili alla preparazione di alimenti e prodotti essenziali per la vita di tutti i giorni.

Monterenzio (BO), 26 marzo 2014 – Pensate a un mondo dove scarseggia la frutta e la verdura, dove le piante officinali siano assenti così come il foraggio per il bestiame, il cotone e la soia. Questo è solo una piccola parte dei danni, per la salute e l’ambiente ma anche economici, che si creerebbero se scomparissero le api.

Moltissime colture, senza impollinazione, semplicemente non esisterebbero e con loro numerosi prodotti indispensabili alla vita di tutti i giorni. Non solo. Senza il prezioso lavoro delle api, verrebbe minata la biodiversità ambientale che assicura la varietà delle specie presenti nei diversi territori.

Queste le premesse che hanno mosso CONAPI ad attivarsi con la campagna “BEE ACTIVE! Attivi per le api”. L’obiettivo dell’iniziativa è sensibilizzare circa il fenomeno dello spopolamento improvviso di intere colonie di api che, a partire dai primi anni 2000, ha toccato prima gli Stati Uniti e poi rapidamente anche l’Europa dove, in alcune aree, si registra anche il 50% di perdita nella popolazione delle api. La ragione di questa strage è da attribuirsi principalmente all’avvelenamento causato dall’utilizzo intensivo di sostanze chimiche in agricoltura.

Con la campagna “BEE ACTIVE! Attivi per le api”, CONAPI intende riportare con forza l’attenzione sul ruolo centrale delle api per l’alimentazione e la salute, la tutela della bio-diversità ambientale, ma anche per l’economia in generale: si stima che grazie all’impollinazione, a livello mondiale, si generi un’economia pari a 256 miliardi di euro l’anno.

L’iniziativa di CONAPI si propone di sollecitare i consumatori ad adottare piccoli comportamenti virtuosi che, se seguiti, possono contribuire fortemente a tutelare l’habitat delle api. Dalla scelta di alimenti biologici e biodinamici, alla coltivazione di fiori per accrescere le fonti di nettare, dal non utilizzo di pesticidi o insetticidi all’acquisto dei prodotti a base di miele, che significa sostenere il lavoro degli apicoltori: questi sono solo alcuni dei semplici accorgimenti che possono contribuire a creare un ambiente più favorevole per questi preziosi insetti.

CONAPI ha previsto inoltre una serie di iniziative collegate alla campagna di sensibilizzazione denominate BEE ACTIVE Days. La prima di queste si terrà nel corso della Milano City Marathon del 6 aprile, occasione nella quale verranno distribuite a tutti i partecipanti bustine di miele, fonte di energia immediata, e informazioni sulla campagna.

Sempre ad aprile, il giorno 9, è prevista la partecipazione di CONAPI nel contesto del Fuorisalone del Mobile di Milano. Presso il Giardino del Terraggio, in via del Terraggio, adulti e bambini potranno scoprire il mondo incantato delle api e l’antico mestiere dell’apicoltore grazie a un imperdibile percorso didattico. Alle ore 16.00, inoltre, è prevista una degustazione di mieli dedicata ai bambini che potranno imparare a conoscerli partendo dalla pluralità di fiori e territori.

Inoltre, a partire dal prossimo autunno, verranno organizzate nei punti vendita biologici ad insegna NaturaSì e Cuore Bio diverse iniziative promozionali per coinvolgere il pubblico più sensibile ed attento a questi temi e per promuovere i prodotti apistici.

◊ ◊ ◊ ◊

CONAPI

Fondata nel 1979, il Consorzio Apicoltori e Agricoltori biologici Italiani è l’impresa cooperativa di apicoltori più rappresentativa a livello europeo. Comprende circa 600 apicoltori, tra aziende, associazioni apistiche e singoli produttori, distribuiti sull’intero territorio nazionale, uniti dalla passione per un’apicoltura sana che, rispettando l’ambiente e la dignità del lavoro, produce un miele buono, pulito e giusto.

L’obiettivo è la valorizzazione delle produzioni dei soci per un miele, convenzionale e biologico, di alta qualità che parte dalla cura delle api e dalla condivisione di disciplinari di produzione, elaborati in trentacinque anni di esperienza. Il miele, il polline e gli altri prodotti apistici, raccolti in circa 60.000 alveari, vengono lavorati secondo le indicazioni contenute nel Regolamento Interno, che garantisce produzioni di qualità eccellente, sia per quanto concerne le caratteristiche chimico-fisiche, sia dal punto di vista organolettico i mieli Conapi non sono mai sottoposti a processi di pastorizzazione, ma vengono confezionati a temperature che non superano mai i 40°. La ricerca di percorsi innovativi, il forte legame con il territorio, la valorizzazione delle tipicità locali e la proposta di prodotti dell’alveare di qualità, fanno di Conapi l’impresa di riferimento nella produzione italiana convenzionale e biologica che viene commercializzata rispettivamente con i marchi Mielizia e Alce Nero.

Questa voce è stata pubblicata in Eventi generici. Contrassegna il permalink.