Le cose da sapere sul km zero e la filiera corta

Tutti gli amanti della natura stanno imparando a frequentare i mercati a km zero. Il “km zero” sta diventando una proposta di economia alternativa alla tradizionale più pulita ad ecologica, ed è applicabile a tutti i mercati: dall’alimentare fino alla filiera corta per energia elettrica e gas.

L’economia a “km zero” implica l’acquisto di prodotti locali, che non hanno dovuto subire lunghi spostamenti e che spesso saltano la catena di distributori. Questo tipo di acquisto ha 2 grossi vantaggi:

–        Permette un notevole risparmio di emissioni inquinanti, in quanto non vengono sprecati carburante e mezzi di trasporto

–        Il risparmio di carburante e consumo dei mezzi si trasforma anche in un risparmio economico, in quanto il produttore ha meno spese

Anche il livello di soddisfazione per la qualità dei prodotti è molto alto perché i prodotti sono molto più freschi.

Il Comune di Modena ha approvato il primo Regolamento per i Mercati Agricoli a Km Zero per garantire la trasparenza a tutti i consumatori ed offrire loro una alternativa economica e vantaggiosa alla Grande Distribuzione Organizzata.

Per saperne di più puoi approfondire l’argomento sugli alimentari a km zero oppure sulla filiera corta energia.

Se speri che anche il tuo comune avvii un’iniziativa del genere vuol dire che sei un vero appassionato di tutte le tematiche relative al rispetto dell’ambiente e dei comportamenti sostenibile: resta sempre aggiornato su queste tematiche seguendo il blog della famiglia Pensoinverde.

Questa voce è stata pubblicata in Eventi Culturali. Contrassegna il permalink.