Curiosità sulla Città del Vaticano

Al di là del fatto che ruotino molti misteri e pettegolezzi attorno al Vaticano vi sono anche molte curiosità poco note, notizie interessanti su cose del Vaticano che non sapevamo o risposte a domande che qualcuno prima o poi si è posto. Ogni anno la Città del Vaticano viene visitata da milioni di persone da tutto il mondo. Un’ottima soluzione per dormire a due passi del vaticano è il Bed and Breakfast Teatime, un nuovo B&B nel centro di Roma vicino al Vaticano, comodo quindi per raggiungere le principali attrazioni della capitale.

Ad esempio andando a visitare il Vaticano in occasione dell’elezione del Papa ci si è magari chiesti come avveniva la fumata bianca o nera, ebbene alla stufa tradizionale dove si bruciano le schede è stata affiancata un’apparecchiatura ausiliaria a fumogeni che viene accesa durante la bruciatura delle schede. Per ottenere la fumata nera o bianca si aggiungono dei composti chimici ai fumogeni: per la nera perclorato di potassio, antracene e zolfo mentre per la bianca clorato di potassio, lattosio e colofonia (mentre anticamente si usava la paglia per il bianco e nerofumo o catrame per il nero).

State scegliendo l’hotel della Città del Vaticano dove dormire? Scegliete uno nel quartiere Ottaviano che è il confine fra lo stato Italiano e lo stato Vaticano qui potrete essersi immersi in un’atmosfera fra il sacro ed il profano.
Questa curiosità è senz’altro più nota: in Vaticano c’era la pena di morte. Ebbene sì fino al 2001, anno in cui fu abolita da Woytila era prevista la pena di morte per chi tentasse di assassinare il Papa.
Se vi capita fra le mani una moneta del Vaticano commemorativa osservatela bene noterete che la parola “Gesù” è “scritto “LESVS” al posto di “IESVS” a causa dell’errore le monete sono state quindi ritirate.
Altre curiosità sul Vaticano: fu l’indulgenza offerta in cambio di denaro da Papa Leone X a far fuggire da Roma il teologo Martin Lutero ed è stato questo il punto di partenza della riforma, nel 1999 un uomo barese Benedetto Mininni si sparò all’interno della Basilica di San Pietro e secondo il Codice di Diritto Canonico la chiesa in cui avviene un suicidio dovrebbe essere dichiarata profanata, ci fu un Papa (Innocenzo XII) che morì durante la cerimonia del Giubileo (1700) ed in ultimo la divisa delle guardie svizzere non è stata ideata da un noto stilista ma da Michelangelo Buonarroti.

Questa voce è stata pubblicata in Eventi Formativi, Lazio e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.