Think Agile – metodologia agile che affronta il tema del project management da tre direzioni: filosofia agile, tecniche agili, know-how

Nel mondo delle metodologie agili nasce uno sguardo nuovo.

 

Think Agile (http://www.thinkagile.it) è una metodologia Agìle per la gestione di progetti che si propone di affrontare il problema da una direzione nuova rispetto alle più diffuse metodologie come SCRUM, Kanban etc.

 

L’obiettivo di Think Agile è quello di avvicinarsi al concetto origniario di rivoluzione agile. Spesso le tecniche “tradizionali” di agile project management si riducono ad un insieme di tecniche da applicare. Ma queste secondo gli autori non sono sufficienti a garantire il risultato in termini di efficienza ed efficacia che viene promesso.

 

La filosofia Agile nello sviluppo software, ma ancora prima la Lean production nel manifatturiero e nel terziario, hanno rappresentato un momento di discontinuità rispetto al passato in quanto è stata riportata al centro del lavoro la persona.

 

Non bisogna quindi guardare in modo sterile alle tecniche, ma allargare la visione per includere anche gli aspetti che riguardano le persone coinvolte nel progetto. Solo così è possibile comprendere perché le tecniche agili funzionano.

 

Il motore di ogni progetto e di ogni progresso è la persona. La tecnica è uno strumento che in determinate condizioni può risultare più o meno adatto a perseguire un obiettivo. Ma rimane uno strumento nelle mani di chi è in grado con la propria volontà e creatività di realizzare gli obiettivi che si è posto.

 

Nel metodo Think Agile vengono affrontati tre diversi aspetti riguardanti la gestione progettuale.

 

In primis la filosofia, intesa come sistema di valori congruenti che il project manager deve abbracciare e far propri per poter gestire il progetto in modo realmente Agile. I valori sono i fari che guidano le decisioni di ogni giorno, sono le convenzioni che ci permettono di dare un valore relativo alle cose e quindi decidere cosa è più importante e cosa meno.

 

E’ un aspetto intangibile certo, ma ha la capacità di influire sui risultati del progetto più di quanto qualsiasi tecnica possa fare.

 

Il vantaggio di utilizzare questo sistema di valori è quello di riuscire esaltare le capacità migliori delle persone che lavorano nel progetto: la motivazione, la creatività, la capacità di apprendere, la capacità di lavorare in team, il problem solving e tutte quelle altre peculiarità che permettono alle persone di raggiungere importanti ed a volte inaspettati obiettivi.

 

Come secondo aspetto vengono trattate dal metodo le tecniche agili che gli autori hanno sperimentato in prima persona per anni nella gestione di svariati progetti. Anche qui però l’approccio utilizzato non è quello tradizionale ma si cerca di dare uno sguardo nuovo a quanto viene presentato. Le tecniche spiegate hanno l’intenzione di essere presentate come strumenti a disposizione di tutti. Per questo si pone l’accento non tanto sul protocollo che da forma allo strumento, quanto sul perché esso risulti utile in determinate condizioni. Viene anche analizzato su quali leve agisce lo strumento per riuscire ad ottenere i risultati.

 

L’intento è quello di trasmettere non solo la conoscenza delle tecniche ma anche una certa comprensione che permetta a chi vorrà utilizzarle nei prorpi progetti di riuscire ad adattarle e trasformarle a seconda delle condizioni contingenti e dell’obiettivo per cui vengono introdotte.

 

Infine Think Agile affronta il tema del know-how. E’ noto a tutti che le sole conoscenze acquisite non sono spesso sufficienti a garantire la capacità di ottenere dei risultati. Il processo di apprendimento passa inevitabilmente per la sperimentazione in prima persona fino ad avere un’esperienza che ci renda capaci di modificare la realtà che abbiamo intorno in modo da rendere realizzabili i nostri obiettivi.

 

Come fare ad esempio a convincere i partecipanti di una riunione che le nostre tesi sono giuste? Come stimare in anticipo i costi di un progetto con precisione?

Sono cose per le quali al di là delle tecniche e delle conoscenze sono necessarie capacità affinate e maturate nel tempo. Nella metodologia vengono quindi presentati esempi e percorsi che possono portarci a migliorare in questi aspetti.

 

Volendo fare un parallelo con il mondo scolastico è come se gli autori volessero condividere, oltre alle nozioni, un “metodo di studio” che loro hanno utilizzato con successo e gli ha permesso di migliorare nel tempo le proprie capacità.

E’ attualmente in fase di stesura un libro che presenta e spiega questa metodologia. Tutte le novità e le informazioni sono disponibili sul sito ufficiale http://www.thinkagile.it nel quale è possibile anche iscriversi alla newsletter per ottenere durante la scrittura estratti dei capitoli e sconti eccezionali.

Questa voce è stata pubblicata in Eventi Formativi e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.