Kit Reisch

COMUNICATO STAMPA

Mostra persona

Dal 30 Ottobre 2013 al 15 Novembre 2013
(dal Martedì al Sabato dalle ore 14:30 alle ore 19,30)
Foro Buonaparte, 60 – 20121 Milano

Paolo Ciabattini in collaborazione con Tina B
presenta

Kit Reisch

Una struttura è in grado di riflettere il carattere del suo creatore. Da questo punto di vista le forme architettoniche possono essere viste dalle persone come surrogati. Come possiamo guardare all’interno di queste complicate strutture?

Combinazioni di elementi architettonici e strutturali sono significativi per Reisch , che li colloca in contesti progettati con minuziosa attenzione. Gran parte del lavoro di Reisch deriva dall’esperienza di uno straniero che cerca di adattarsi , più o meno con successo, alla cultura del paese che lo ospita. L’Architettura, la forma più accessibile del linguaggio visivo collettivo di una cultura, ha un ruolo molto importante nel suo lavoro.

L’opera d’arte in questa mostra suggerisce sistemi di ripresa ,esame ,esternazione o celebrazione delle nostre strutture e sistemi interpersonali . L’Architettura sembra essere un naturale punto di critica culturale se si considera che i sistemi di lingua, di religione e di circolazione non sono tenuti a mettere in discussione le strutture insite in noi, prima di noi, tra di noi. La Struttura interviene costantemente con la sua presenza nella nostra esistenza, attraverso la nostra necessità che essa esista.Le strutture architettoniche costituiscono il sistema fisico che navighiamo ed entro il quale svolgiamo la nostra vita quotidiana. Abbiamo inoltre ingegnerizzato sistemi interni e strutture – Fondazioni fisiche nonché meccanismi psicologici – che ci supportano nell’accettare il peso della nostra implacabile coscienza.
Nella società, aziende private o individui, creano strutture per asservirle ai loro bisogni, ne consegue che la struttura stessa riflette il carattere dell’entità creata. Come possiamo , in queste strutture complesse, guardare al loro interno? Può una facciata in pietra trasmettere tenerezza e calore? Oppure un esterno accuratamente composto lasciar trasparire fragili supporti in decomposizione?

Per info:
Cell. +39 335 6048069
info@laboexpo.com
www.laboexpo.com
www.facebook.com/laboexpo

Questa voce è stata pubblicata in Eventi generici e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.