STORIA DI UNO SCHIACCIANOCI: FRA DANZA E ARTE

STORIA DI UNO SCHIACCIANOCI: FRA DANZA E ARTE
Il Centro Danza Teatro Correggio racconta il capolavoro letterario di Dumas musicato da Chaikovski con la gioia e lo sguardo incantato dei fanciulli

29 e 30 maggio, 1 e 2 giugno: il Centro Danza Teatro Correggio con i suoi allievi racconta La storia di uno schiaccianoci, la celebre fiaba di Dumas musicata da Chaikovski. A farlo in scena sono i più giovani allievi della scuola per una storia che parla di incantesimi e sogni, di amore e coraggio, di dolciumi e giocattoli con coreografie leggere e vivaci create da Magda Sibillo, Laura Giorgi, Luciana Guidi, Lara Daoli, Cecilia Ligabue ed interpretate con gioia da bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni. Numerose le tappe di questo spettacolo: Antonella Panini, direttrice del Centro, nei giorni scorsi ha attivato gli incontri con i bambini delle scuole dedicati all’ascolto, all’illustrazione e alla drammatizzazione di questa storia per spiegare il percorso che da Dumas ha portato a Chaikovski. Oltre 400 i bambini coinvolti. Il 29 e 30 maggio alle 21 La storia di uno schiaccianoci andrà in scena al Teatro Asioli di Correggio. Mentre il 30 sono previste due recite, alle 9 e alle 11, per 800 alunni delle scuole elementari di Correggio. Lo spettacolo si sposta alla la fiera di S. Quirino il 1 giugno sul palcoscenico di corso Mazzini alle 21.

Ma la ricerca va oltre e domenica 2 Giugno alle 21,15 nel cortile di Correggio Art Home è in programma la conversazione dal titolo Lo Schiaccianoci: per una breve rassegna storico-teatrale, tra tradizione e innovazione estetica. Saranno presi in considerazione i migliori risultati artistici, legati alla storia della rappresentazione teatrale e coreutica de Lo Schiaccianoci, non solo in ambito scenografico, partendo dai bozzetti “classici” di Melikov e Gurenko e allargando l’indagine al prezioso e sempre più ambito spazio dell’illustrazione infantile.

Lo spettacolo è stato costruito in modo da ripercorrere ritmi, sonorità e stili di danza anche lontani fra loro. Ma soprattutto è uno straordinario banco di prova per un Centro delle Arti a 360 gradi: dalla danza alla scenografia. Alle musiche del capolavoro di Chaikovski si alternano, quindi, sonorità contemporanee per accompagnare il gesto coreutico che spazia dal balletto classico, al modern, dall’hip hop alla break dance. Ma ciò che impreziosisce questo lavoro sono le splendide scenografie ideate e realizzate dai bambini dell’atelier d’arte del CTDC curato da Anna Incerti. Un grande puzzle di cubi dipinti che ruotando offrono sempre nuove e bellissime immagini dei luoghi meravigliosi in cui si svolge la fiaba.

Ufficio Stampa Studio alfa
tel. e fax 06. 8183579, email: ufficiostampa@alfaprom.com
responsabile ufficio stampa e P.R. Lorenza Somogyi Bianchi, cell, 333. 4915100

Questa voce è stata pubblicata in Eventi generici e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.