ALLA LOCANDA LE MUSE ANDARE AL RISTORANTE DIVENTA UN GESTO EQUO E SOLIDALE

Un percorso di degustazione tutto dedicato ai prodotti Altromercato. Lo Chef Davide Piva: “perché limitarsi ai prodotti locali?” Nuovi orizzonti per la cucina.

Aria nuova con l’arrivo della primavera alla Locanda Le Muse di San Bonifacio (Verona): il rinnovo del menu segna una svolta verso i prodotti da commercio Equo e Solidale.
Già presenti da qualche anno nella carta dello chef Davide Piva, oggi ai piatti realizzati con ingredienti Fair Trade è dedicato un intero percorso di degustazione. Si spazia dal Timballo di Quinoa alla carbonara, passando per le Tagliatelle al caffè UCIRI con ragout d’anitra al miele di fiori d’arancio del Messico, Pollo con curry e anacardi da passeggio, per finire in dolcezza con Come una sacher con marmellata alla papaya delle Ande e Cioccolato Mascao 70%.
Un menu che nasce dalla voglia di scoprire nuovi sapori e nuovi gusti, ma anche di divulgare la cultura del commercio solidale. Ogni volta che un cliente acquisterà il menu Equo, infatti, la Locanda Le Muse offrirà un prodotto Altromercato alla vicina Scuola dell’infanzia Sacro Cuore di Maria di Locara di San Bonifacio: un piccolo contributo per far crescere una cultura di equità e propensione al buono, e favorire l’integrazione fra le culture, anche a tavola.
“Oggi si fa un gran parlare di filiera corta – dichiara lo chef Davide Piva – e prodotti a chilometro zero. Un approccio rispettabilissimo, ma che a nostro parere rischia di mortificare il desiderio di esplorare nuovi sapori e nuove tradizioni. I nostri clienti devono poter viaggiare attraverso la cucina. Ma sempre nel rispetto dell’ambiente e dell’uomo. Noi preferiamo perseguire altri valori, come l’equità e la sostenibilità di ciò che portiamo a tavola”.
Piva non è nuovo al mondo Equo e Solidale. Collabora attivamente con la Cooperativa le Rondini e il Consorzio Altromercato da nove anni, sia a livello locale che nazionale. Ha insegnato alla scuola di cucina di Fa’ la cosa giusta a Milano nel 2011 e di Naturalmente Verona nel 2012. Oggi, assieme alla Locanda, fa parte del Circolo del Cibo, la community dedicata al cibo buono fino in fondo, con uno spazio in cui risponde alle domande dei consumatori sull’utilizzo delle materie prime del Commercio Equo e Solidale in cucina.
“Vogliamo proporre una ristorazione etica – spiega Carla Perlotto, titolare con il marito Emanuele della Locanda Le Muse – che non rinunci mai all’altissima qualità della nostra cucina e del nostro servizio. Si può fare del bene anche facendosi del bene”.

Questa voce è stata pubblicata in Eventi generici. Contrassegna il permalink.