Sicilia: una terra ricca di bellezze

Di anno in anno  la Sicilia conferma  il suo primato di regione più vistata da turisti che provengono  da ogni angolo del mondo per godersi la  ricchezza del suo mare, il fascino dei suoi panorami e l’attrazione della sua antica storia. Sarà proprio questa infinità di ricchezze, naturali ed artistiche, che ogni anno conquistano i turisti  che, in numero sempre più numeroso, affollano  gli alberghi e i 
villaggi Sicilia.
Tra i tanti itinerari possibili in questa regione davvero senza pari, oggi proponiamo quello alla scoperta della incantevole  città di Augusta che, secondo la leggenda, sembra  sia stata costruita da Augusto nel lontano 42 a.C. 
La città è molto affascinante già per la sua posizione che la pone  su di un isolotto tra i porti di Magares e di Xifon, congiunti  poi alla terraferma da due ponti. 
Oltre alle suggestive bellezze naturali, che Augusta condivide con tutte le altre destinazioni  del territorio siciliano, una visita alla scoperta delle sue meraviglie  artistiche deve certamente partire dalla maestosa Porta Spagnola, dalla quale si ha accesso  al centro storico cittadino, capolavoro del Barocco, dove è possibile  visitare alcuni dei edifici più importanti della città come il Palazzo del Municipio, sovrastato dall’aquila sveva simbolo  imperiale, e la Chiesa Madre dedicata a Maria SS Assunta. Da ammirare è anche il bel Palazzo Ferreri, dallo stile barocco spagnoleggiante, mentre spostandosi sul mare è da vedere assolutamente il Castello di Federico, oggi sede di importanti eventi artistici . Da ammirare sono anche la Chiesa di Santa Maria del Soccorso, la Chiesa di Santa Maria delle Grazie, la Chiesa di San Giuseppe, la Torre Avalos e l’Eremo Adonai, mentre per chi volesse visitare  i dintorni della città da visitare è il sito archeologico Megara Hyblaea, che si allunga per ben 10 ettari. Parte delle testimonianze reperite in quest’area sono oggi conservati presso l’Antiquarium del sito; le parti più affascinanti sono senza dubbio l’area sacra, le rovine di case e le vestigia di un tempio, delle terme e dell’antico santuario, oltre ad una necropoli appena fuori le mura.
Questa voce è stata pubblicata in Sicilia. Contrassegna il permalink.